Nuova catena di hotel di lusso a Pietroburgo

La Four Seasons Hotels & Resorts ha aperto i battenti nella Venezia del Nord

A San Pietroburgo ha aperto le porte ai suoi ospiti il primo hotel di una delle più costose catene al mondo: la Four Seasons Hotels & Resorts. L'albergo, di categoria lusso, è situato a due isolati dall'Ermitage, all'incrocio tra il Voznesenskij Prospekt e l'Admiratelskij Prospekt, nella villa restaurata del principe Lobanov-Rostovskij, conosciuta a Pietroburgo con il nome di Casa dei Leoni. 

"Abbiamo rimandato l'inaugurazione ufficiale all'autunno, quando la gente sarà tornata dalle ferie. Ora abbiamo semplicemente iniziato l'attività", spiega Natalia Ermashova, rappresentante del Four Seasons Hotel Lion Palace St. Petersburg, inaugurato il 7 luglio 2013. L'hotel dispone di 177 camere, di cui 26 deluxe, che misurano da 37 a 191 metri quadri. All'interno della struttura vi sono ristoranti, bar, un centro spa, una sala da ballo che può accogliere 215 persone, sei sale per conferenze e una sala riunioni.

In breve

Nel XIX secolo la villa principesca dei Lobanov-Rostovskij fu venduta allo stato, e tra le sue mura ebbe sede il Ministero della Guerra. In epoca sovietica ospitò invece una delle poche scuole attive durante l'assedio di Leningrado, un convitto e un istituto di progettazione. Nel 2002 la Casa dei Leoni è passata in gestione all'amministrazione presidenziale, e nel 2004 è stata consegnata all'investitore per i lavori di restauro.    

La villa dei Lobanov-Rostovskij, una delle più antiche casate russe, fu costruita su progetto dell'architetto August Montferrand tra il 1817 e il 1820, ed è un monumento artistico di importanza nazionale. L'ingresso del palazzo è custodito da due leoni di marmo, menzionati anche nel poema di Aleksandr Pushkin "Il cavaliere di bronzo". Secondo le informazioni del giornale Vedomosti, nel restauro sarebbero stati investiti oltre 250 milioni di dollari. Grazie al lavoro sui documenti di archivio sono stati restituiti al loro aspetto originale gli altorilievi scultorei, lo scalone d'ingresso e i leoni di marmo bianco, opera dell'architetto Paolo Triscornia. Sono stati restaurati i dipinti sul soffitto dell'ingresso principale e le decorazioni a stucco.   

L'inizio dell'attività di Four Seasons in Russia imporrà nuovi standard nel segmento del lusso, assicura Yana Ukhanova, vicepresidente di Jones Lang LaSalle Hotels & Hospitality Group. "Di norma, l'ingresso sul mercato di Four Seasons consente agli altri hotel della categoria lusso di alzare le proprie tariffe medie, perché con la sua entrata in campo Four Seasons fissa un nuovo tetto massimo. Almeno, questo è quanto abbiamo osservato nel resto del mondo. Vedremo che cosa avverrà qui da noi", aggiunge la Ukhanova. 

Indirettamente, la previsione dell'esperta si sta già avverando. Il costo minimo di una notte al Four Seasons Hotel Lion Palace St. Petersburg sarà di 12mila rubli (circa 380 dollari), mentre il prezzo medio di una camera in un hotel di lusso nella capitale del Nord, stando ai dati di STR Global, nel 2012 è stato di 294 dollari; secondo il portale TripAdvisor, presso il Grand Hotel Europe o l'Astoria per il periodo di novembre 2013 è possibile prenotare una camera per 300 dollari a notte.

Bisogna osservare che, secondo le informazioni fornite da TripAdvisor, per la catena Four Seasons, 380 dollari rappresentano praticamente il limite minimo di prezzo. Il costo di una notte all'hotel Four Seasons di Praga è paragonabile a questo, mentre a Londra, per esempio, i prezzi (a parità di periodo) sono quasi il doppio. Il prezzo di una camera standard a San Pietroburgo è calcolato tenendo conto della congiuntura di mercato: così Natalia Ermashova ne spiega l'"economicità". D'altro canto, chi desidera alloggiare in una suite deluxe presidenziale dovrà spendere 465mila rubli a notte.

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta