Putin firma la legge contro la propaganda gay ai minori

Il Presidente russo promulga la norma che punisce la promozione di ''orientamenti sessuali non tradizionali'' presso i minori, criticata dagli attivisti dei diritti umani

Il Presidente della Federazione Vladimir Putin ha firmato la legge contro la propaganda, anche via Web, di orientamenti sessuali non tradizionali in presenza di minori, approvata in terza lettura dalla Duma di Stato l'11 giugno 2013.

In base a questa legge, la ''propaganda di relazioni sessuali non tradizionali davanti a minori'' è punibile con una multa che va dai quattromila ai cinquemila rubli (circa 100-125 euro). Chi occupa una carica pubblica rischia, invece, una multa dai 40 ai 50 rubli (1.000-1.250 euro), mentre chi ha un ruolo nella magistratura una multa da 800mila a un milione di rubli (circa 19.000-23.400 euro). Gli stranieri sono punibili con una multa fino a 100.000 rubli e possono essere detenuti per 15 giorni e espulsi.

I difensori dei diritti umani hanno bollato la legge come discriminatoria. Nel testo di legge il riferimento non c'è un riferimento esplicito all'omosessualità, ma la nuova norma è stata ribattezzata "contro la propaganda gay".

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta