Il pastificio Delverde scommette sulla Russia

L'azienda di Chieti prevede un investimento di 400-500mila euro per rafforzare la propria presenza nel mercato della Federazione

Delverde, l’azienda alimentare specializzata nella produzione di pasta, si allarga in Russia. Forte dell’importante crescita registrata nel mercato della Federazione (tra il 2011 e il 2012 l’export di Delverde è cresciuto del 17 per cento), il pastificio, fondato alla fine degli anni Sessanta in provincia di Chieti, ha messo in cantiere una serie di investimenti per rafforzare la propria presenza nella patria dei cremlini.

Oltre alla promozione stampa e alla nuova versione del sito e dei principali social network in russo, l’azienda ha in cantiere un progetto di investimenti pari a 4-500mila euro.

A ciò si aggiunge “Pasta sommelier”, il nuovo progetto ideato e promosso dall’azienda per sensibilizzare i consumatori a riconoscere e a scegliere la buona pasta, grazie a un’accurata analisi del prodotto, prima e dopo la cottura. Un “protocollo di degustazione” messo a segno da un team di nutrizionisti, tecnici, giornalisti enogastronomici ed esperti di pasta.

“Se guardiamo al settore eno-agroalimentare con oltre 100milioni di euro registrati da gennaio a marzo 2013, la quota dell'Italia è cresciuta del 33 per cento rispetto allo stesso periodo del 2012, evidenziando in particolare una crescita del 29 per cento per le paste alimentari – ha fatto sapere Luca Ruffi, Ceo di Delverde -. Per questo motivo la Russia sta diventando un mercato sempre più importante per il nostro brand”.

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta