Incendio nella metro di Mosca, migliaia le persone evacuate

Il rogo, scoppiato tra le fermate Okhotnyj Ryad e Biblioteka imeni Lenina, sulla linea rossa, sarebbe stato causato da un cortocircuito

Oltre 4.500 persone sono state fatte evacuare nella mattinata del 5 giugno 2013, in piena ora di punta, a causa di un incendio scoppiato in una delle linee più trafficate della metropolitana di Mosca. Il rogo, a quanto pare generato da un cortocircuito avvenuto tra le fermate Okhotnyj Ryad e Biblioteka imeni Lenina, sulla linea rossa, avrebbe causato un denso fumo nero.

Il traffico dei treni è stato immediatamente bloccato e i passeggeri sono stati fatti uscire in superficie. Cinquantadue di loro, scrive Ria Novosti, hanno avuto bisogno dell'intervento dei medici. 

Numerosi disagi si sono verificati anche nelle vicine stazioni della linea rossa: congestionato il transito nello snodo a Park Kultury, dove la linea interessata dall'incendio incrocia la circolare. Qui centinaia di passeggeri, provenienti dalla parte Sud della città, si sono riversati sulle scale mobili e nei sottopassaggi, nel tentativo di risalire in superficie o raggiungere percorsi alternativi.

I mezzi di superficie sono stati presi d'assalto, e fuori dalle uscite di alcune fermate interessate dal rogo sono stati organizzati pullman sostitutivi. Alle stelle i prezzi dei taxi, che hanno aumentato il costo delle corse approfittando del disagio che ha colpito i tanti moscoviti rimasti a piedi proprio mentre si recavano al lavoro.

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta