Sicurezza, la Russia prenderà il dna ai detenuti

La banca dati dei codici genetici servirà per monitorare i carcerati e prevenire nuovi crimini al momento del loro rilascio

La polizia penitenziaria russa raccoglierà campioni di dna a tutti i detenuti. A tal proposito il Ministero ha già provveduto a ordinare 190.000 apparecchi per la raccolta delle analisi del sangue.

Inizialmente la polizia penitenziaria raccoglierà le analisi di quei detenuti giudicati per crimini gravi, e successivamente quelle di tutti gli altri. Secondo le ultime statistiche ammonterebbero a circa 700.000 in Russia.

I campioni di dna dovrebbero essere utili alla polizia per trovare i criminali: ogni anno ne vengono rilasciati 300.000, di cui un quinto si rivela recidivo.

Per leggere la versione originale del testo, cliccare qui

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta