Export, volano le richieste di pasta in Russia

Le esportazioni di spaghetti e tagliatelle Made in Italy verso la Federazione hanno registrato una crescita del 127 per cento

I russi si rivelano grandi amanti della pasta. Secondo uno studio di Coldiretti, realizzato sulla base dei dati Istat relativi a gennaio 2013, le esportazioni di quelli che all'estero vengono definiti "maccheroni" sono cresciute in Russia del 127 per cento. Quasi il doppio rispetto al 2012. Aumenta dell'86 per cento l'export di pasta in India; + 36 per cento in Cina.

Spaghetti e tagliatelle Made in Italy hanno registrato aumenti nelle esportazioni soprattutto verso i Paesi dell'Unione Europea: due terzi del prodotto sono finiti infatti sulle tavole tedesche (+ 22 per cento), inglesi (+19 per cento) e greche (+ 21 per cento).

Vola la domanda anche negli Stati Uniti, dove gli arrivi di pasta italiana sono cresciuti del 61 per cento.

Secondo lo studio di Coldiretti, le vendite di pasta starebbero reagendo bene alla crisi, registrando in tutto il mondo boom di richieste. Russia compresa.

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta