Turismo, l'Alto Adige corteggia la Russia

Il Console onorario di Bolzano Bernhard Kiem ha incontrato un centinaio di operatori russi, per incrementare le visite dall'Est

Saranno quasi cinque milioni i turisti russi che, secondo alcune stime, nei prossimi anni visiteranno il Trentino Alto Adige, attratti dagli impianti sciistici, dalla qualità delle strutture alberghiere e dalla tradizione culinaria locale. E proprio per investire sul turismo proveniente dall’Est, il Console onorario russo a Bolzano Bernhard Kiem, insieme al sindaco di Brunico Christian Tschurtschenthaler e al Consorzio Turistico Plan de Corones, ha ricevuto cento direttori di agenzie di viaggio della Federazione.

Anticipato da una conferenza sul turismo organizzata nel Castello di Brunico (Bolzano), l’incontro si è rivelato un’occasione importante per fare il punto della situazione sull’incoming proveniente dall’Est: il Console Bernhard Kiem ha sottolineato l’importante lavoro del Consolato, considerato “patria per i russi”, da sempre attivo per rafforzare i rapporti tra le due realtà.

Le agenzie turistiche russe hanno poi visitato l’Alta Badia, la Val Gardena e Bolzano, per familiarizzare con le strutture e con l’offerta del territorio. Non solo turismo, comunque: in passato diverse squadre sportive hanno scelto proprio Brunico per preparare le loro competizioni. Tra queste, così come ha ricordato il sindaco di Brunico, anche la Nazionale femminile russa di pallavolo e la squara Csk di pallacanestro. Nell’estate 2013 a Brunico si allenerà la Nazionale russa di Basket.

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond