Annunciati i finalisti del Premio Raduga

Pubblicati i nomi dei giovani talenti che concorreranno al titolo di “Giovane autore dell'anno” e di “Miglior giovane traduttore dell’anno"

Il traguardo è sempre più vicino. Ora non resta che attendere il 28 giugno 2013, giorno in cui si conosceranno i vincitori della IV edizione del Premio Raduga, il riconoscimento nato per rafforzare i rapporti tra l’Italia e la Russia dal punto di vista editoriale.

La giuria internazionale, composta da persone dell’editoria e della comunità letteraria russa e italiana, ha annunciato i nomi dei finalisti, che si contenderanno il titolo di “Giovane autore dell'anno” e di “Miglior giovane traduttore dell’anno”.

Per il titolo di “Giovane autore dell’anno” i finalisti italiani sono: Fabio Chiriatti di Lecce con il racconto “Mappugghje”, Michele Grignaffini di Parma con “Risveglio”, Sabrina Sansalone di Genova con il racconto “L'ultimo Natale (gli ultimi Natali)”; Nicola Carboni da Imperia con “Un'immagine riflessa” e Marta Manfioletti di Padova con “Bellerofonte”. Per la categoria “Miglior giovane traduttore dell”anno”, sezione italiana, sono stati invece selezionati Amedeo Pagliaroli da Latina, Elisabetta Spediacci da Carrara, Maria Rosaria Carrozzo da Torre Annunziata, Francesco Bigo e Alessandra Moretti dalla provincia di Venezia.

Per la Russia, gli autori finalisti sono Diana Boguslavskaja di San Pietroburgo con il racconto “Le vecchie”, Ilia Ludanov con “Dalle terre nere al soffitto”, Dmitri Romanov dalla Regione di Mosca “Slivych”, Elena Tarkhanova residente a Galbiate (Lecco) con “Una lettera” e Dmitri Filippov di San Pietroburgo con “Madonna”. Per la categoria traduttori i nomi finalisti sono: Ivan Semjonov, Anna Lentovskaja, Zinaida Lozhkina, Valentina Marcevaja-Kucherovskaja e Maria Volodina.

Organizzato dall’Associazione Conoscere Eurasia di Verona e dall’Istituto Letterario Gorkij di Mosca, dal 2010 il premio cerca giovani talenti russi e italiani per promuovere la letteratura di entrambi i Paesi.

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta