Il Papa incontra i rappresentanti ortodossi

Il Pontefice ha accolto le delegazioni di altre fedi, tra cui anche il Metropolita Hilarion del Patriarcato di Mosca e il Patriarca ortodosso ecumenico Bartolomeo I

Ha esortato al dialogo interreligioso, sottolineando l’importanza della cooperazione con i fedeli di altri credi. Papa Francesco nella mattinata del 20 marzo 2013, nella sala Clementina di Roma, ha incontrato il Patriarca ortodosso ecumenico Bartolomeo I e il Metropolita Hilarion, del Patriarcato di Mosca.

Durante l’incontro, al quale hanno partecipato i portavoce di molte altre chiese e confessioni, i rappresentanti ortodossi hanno donato al nuovo Pontefice due icone mariane. "Ci rallegriamo di tutto cuore per la vostra elezione ispirata da Dio e l'assunzione dei vostri doveri quale primo vescovo della Chiesa Cattolica - ha detto Bartolomeo I rivolgendosi al Papa –. Ora la attendono compiti enormi per l'unità”.

"È motivo di particolare gioia incontrarmi con voi, Delegati delle Chiese Ortodosse, delle Chiese Ortodosse Orientali e delle Comunità ecclesiali di Occidente - ha detto Papa Francesco ai rappresentanti delle altre chiese -. Vi ringrazio per avere voluto prendere parte alla celebrazione che ha segnato l'inizio del mio ministero di Vescovo di Roma e Successore di Pietro”.

Al termine del colloquio, parlando con la stampa, Bartolomeo I ha espresso parole di apprezzamento nei confronti del Pontefice. Ha parlato di un “buon pastore”, i cui gesti “indicano una grossa vicinanza alla gente”. “Ho conosciuto solo oggi papa Francesco, e mi ha fatto un’ottima impressione – ha dichiarato -. Intendo invitarlo quanto prima alla sede del Patriarcato Ecumenico a Istanbul”.

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta