McDonald's in Russia investe sul franchising

Il colosso americano studia una nuova strategia e si prepara ad aprire nuovi ristoranti negli aeroporti e nelle stazioni ferroviarie russe

Fino al 2012 McDonald’s in Russia ha sempre aperto i suoi ristoranti in forma autonoma. Nella primavera del 2012 il colosso dei fastfood ha portato a termine un accordo in franchising con Pazvitie Rost, secondo il quale il franchising può aprire nuovi punti solamente nei centri di connessione dei trasporti. Così come spiega Khamzat Khasbulatov di McDonald’s, il primo ristorante potrebbe essere inaugurato negli aeroporti e nelle stazioni dei treni della Federazione già alla fine del 2013.

L’apertura di nuovi franchising potrebbe indicare un nuovo approccio nella politica di gestione dell’impresa leader anche in Russia. “Lavorare con il sistema di franchising è un risparmio importante, visto che aprire un ristorante McDonald’s in questo Paese presuppone molti soldi”, ha detto Khasbulatov. “Questa catena è conosciuta in tutto il mondo e attrae in qualsiasi caso”, ha commentato il direttore dei ristoranti Kafela e Piatnitsa di Novosibirsk, Vladimir Khilko.

Nel frattempo, da quanto si apprende dai media russi, alcuni colossi di bibite come Pepsi e Coca Cola starebbero iniziando a perdere la loro leadership sul mercato russo, cedendo il posto ad alcuni produttori di bibite locali, poiché "offrirebbero prezzi più vantaggiosi rispetto a quelli dei prodotti stranieri".

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta