All'astronauta Roberto Vittori la medaglia russa al valore aerospaziale

Il riconoscimento, assegnato per la prima volta a un italiano, è stato consegnato direttamente dal Presidente della Federazione Vladimir Putin

Sono passati undici anni dal suo primo viaggio a bordo della navicella russa Soyuz. Una missione destinata a portare sulla Iss un nuovo veicolo spaziale. Nel 2005, poi, il secondo lancio. Sempre con i russi.

Ora l’astronauta italiano Roberto Vittori è stato insignito dal Presidente della Federazione Vladimir Putin della medaglia al valore aerospaziale: uno dei massimi riconoscimenti russi del settore, assegnato per “gli straordinari meriti conseguiti”.

“Questo riconoscimento mi ha sorpreso – ha commentato Vittori -. Nessun italiano prima d’ora lo aveva ottenuto”.

Classe 1964, Vittori durante la sua carriera ha partecipato nel 2005 anche alla missione Eneide: il suo secondo viaggio verso la Stazione Spaziale Internazionale. Successivamente, nel 2011, è decollato da Cape Canaveral (Florida, Usa) con l’ultimo volo della navetta Endeavour prendendo parte, in qualità di Mission Specialist, a una missione per portare sulla Iss una serie di strumenti per realizzare alcuni esperimenti.

La medaglia al Valore Spaziale è stata istituita nel 2010. Fino a questo momento è andata a dodici cosmonauti, tra i quali sette russi, un kazako, un americano, un canadese, un tedesco e ora un italiano.

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta