Morto il regista Alexei German senior

L'autore di film come "Controlli stradali" e "Venti giorni senza guerra" si è spento all'età di 74 anni a San Pietroburgo

Si è spento all’età di 74 anni il regista russo Alexei German senior, morto a San Pietroburgo il 21 febbraio 2013. Autore di film che segnarono la storia della cinematografia russa, German fu colui che più di tutti, nella sua generazione, venne colpito dalla censura.

Il suo primo film sarebbe dovuto essere un adattamento cinematografico di “È difficile essere un dio” dei fratelli Strugatskij. Ma le riprese vennero vietate. La sua prima pellicola, “Proverka na dorogakh” (Controlli stradali), venne quindi girata nel 1971, ma anche in questo caso la censura la bloccò. Il film restò infatti incompiuto per quindici anni e venne distribuito solamente nel 1986. Si tratta del primo lavoro nella storia del cinema sovietico dedicato ai prigionieri di guerra.

Tra i suoi lavori si ricordano anche “Il mio amico Lapshin” (1984), “Venti giorni senza guerra” (1976) e “Khrustalev, la mia auto!” (1998).

La notizia dalla morte è stata data dal figlio, che porta lo stesso nome del padre, Alexei German, anch’egli regista. German sarà seppellito nel cimitero di Bogoslovskij a San Pietroburgo.

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta