Olimpiadi, Sochi contro le barriere architettoniche

In previsione dei Giochi Olimpici e Paraolimpici Invernali, la città sulle coste del Mar Nero si prepara ad adeguare le proprie infrastrutture per rispondere alle esigenze delle persone diversamente abili

Sochi dichiara guerra alle barriere architettoniche. Lo ha annunciato il capo del Comitato paraolimpico russo Pavel Rozhkov, che si è detto intenzionato a farsi portavoce delle persone con disabilità motorie, per fare dei Giochi Olimpici Invernali una vetrina uguale per tutti.

In un Paese dove ancora oggi pesa la carenza di infrastrutture adeguate, Rozhkov ha assicurato che entro il 2014 Sochi, teatro delle Olimpiadi invernali, migliorerà rapidamente l’accesso ai disabili. “Stiamo controllando tutte le infrastrutture – ha detto -. Stiamo verificando perfino i bar, i cinema e ogni altro tipo di locale”.

“Come inizio non è stato facile – ha aggiunto -, perché alcune infrastrutture sono state realizzate in modo tale da non semplificare il nostro lavoro. Ora comunque il cambiamento è già evidente, e continueremo a lavorare per avere tutto a norma entro il 2014”.

Le Paraolimpiadi di Sochi si terranno dal 7 al 16 marzo 2014, esattamente un mese dopo le Olimpiadi. 

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond