Turismo, la Calabria a Mosca per l'Operazione Russia

Il presidente della Regione Giuseppe Scopelliti è volato nella capitale russa per presentare il progetto che dovrebbe aumentare il flusso di visitatori dall'Est. Il Console generale Papadia: "Lavoreremo per facilitare il rilascio dei visti"

“Siamo la regione che offre una vera alternativa turistica ai russi”. Il presidente della Regione Calabria, Giuseppe Scopelliti, è volato a Mosca per presentare il progetto “Operazione Calabria”: un’iniziativa studiata per aumentare la popolarità della regione del Sud Italia in Russia, attirando un maggiore flusso di turisti dall’Est, grazie anche a particolari accordi con i tour operator della Federazione e l’incremento di voli charter. Un progetto che secondo alcune stime dovrebbe portare, tra aprile e ottobre 2013, quasi 65mila pernottamenti, per un giro d’affari pari a 12 milioni di euro.

Davanti agli oltre trecento operatori del turismo che hanno partecipato al workshop, Giuseppe Scopelliti ha fatto sapere che la Regione ha previsto un investimento, tra il 2013 e il 2014, pari a 3 milioni di euro per sostenere il turismo russo in questa zona. “Con questa operazione – ha detto Scopelliti –, non solo incrementeremo i voli verso la nostra regione e le presenze turistiche, ma consolideremo ancora di più gli amichevoli rapporti tra i nostri due Paesi”.

Entusiasmo anche da parte del Console generale d’Italia a Mosca, Piergabriele Papadia de Bottini, presente all’incontro, che ha garantito un maggiore impegno per facilitare le operazioni di rilascio dei visti. “Noi come consolato – ha affermato –, faremo il possibile per la concessione dei visti e per facilitare l’aumento e l’incremento dei flussi turistici in tutta Italia”.

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta