Naufraga peschereccio russo +++AGGIORNAMENTI+++

L'imbarcazione sarebbe stata colpita dal maltempo nel Mar del Giappone. A bordo si trovavano 30 marinai. Solo 14 i sopravvissuti. Morto anche il capitano della nave

Continuano le ricerche per recuperare i dispersi del naufragio che il 27 gennaio 2013 ha colpito il peschereccio russo Shans-101 nel Mar del Giappone. Secondo una prima ricostruzione dei fatti, l’imbarcazione sarebbe stata colpita dal maltempo. Dei 30 uomini a bordo, solamente 15 sono riusciti a trarsi in salvo (11 russi e 4 indonesiani).

Così come si legge sul sito di Rossiyskaya Gazeta, è in corso un’indagine per stabilire esattamente cosa sia successo.

Secondo le testimonianze dei sopravvissuti, i corpi di alcuni marinai ormai privi di vita, morti per assideramento, sarebbero stati caricati su una scialuppa. A breve verranno inoltre interrogati cinque membri dell'equipaggio, compreso il capitano.

AGGIORNAMENTI DEL 29 GENNAIO 2013 - ORE 14.30

Non ce l’ha fatta il capitano del peschereccio Shans-101 naufragato il 27 gennaio 2013 nel Mar del Giappone: Vladimir Pavlov, 35 anni, a capo dell’imbarcazione, è morto dopo le operazioni di salvataggio a causa dell’aggravarsi delle sue condizioni. Lo riporta l’agenzia Interfax, che cita la rappresentante ufficiale del dipartimento investigativo di Dalnij Vostok, Natalia Salkina: “Il capitano dell’imbarcazione Shans-101 purtroppo è morto. Insieme a lui avevano raggiunto il porto altri quattro marinai tratti in salvo, immediatamente soccorsi dai medici”.

Le condizioni del capitano sarebbero peggiorate il giorno successivo alla tragedia. E mentre proseguono le operazioni di ricerca per ritrovare i dispersi, al momento il bilancio è di 14 sopravvissuti, su un equipaggio composto da 30 persone.  

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta