Ekaterinburg a Mosca presenta il suo Expo 2020

La città russa baciata dagli Urali, candidata per ospitare l'Esposizione Universale che si terrà fra sette anni, illustra nella capitale russa il suo progetto

Ekaterinburg lancia la sfida, e si candida per l'Expo 2020. Il 17 gennaio 2013 a Mosca, nella sala espositiva del Gum, si è svolta la presentazione interattiva della candidatura di Ekaterinburg per diventare la sede dell'Esposizione Universale Expo 2020. L'offerta di Ekaterinburg è stata mostrata attraverso un modellino del parco espositivo e un video interattivo, illustrati ai rappresentanti degli altri Paesi e dei settori russi economico e sociale.

Il vice-premier del governo russo e presidente del Comitato Organizzativo per la preparazione dell'Expo 2020 a Ekaterinburg, Arkadij Dvorkovich, ha osservato in una sua dichiarazione che la Russia contemporanea, con le sue tradizioni culturali e commerciali, è un luogo ideale per lo svolgimento dell'Esposizione Universale, visto che incentiverebbe anche lo sviluppo regionale del Paese. Secondo le parole di Dvorkovich, il governo della Federazione Russa è intenzionato a realizzare una serie di importanti progetti a livello di infrastrutture proprio in preparazione dell’evento.

Il governatore della Regione di Ekaterinburg, Evgeny Kujvashev, ha riportato l'esempio della loro partecipazione alle mostre universali, ricordando il padiglione del 1900 che a Parigi aveva ricevuto il primo premio. Secondo il governatore, il potenziale della Regione, caratterizzata da un’attiva vita economica e culturale, permetterebbe di realizzare progetti a livello mondiale. “L'Expo 2020 darebbe alla città un nuovo orientamento allo sviluppo”, ha osservato Kujvashev.

Molti rappresentanti di altri Paesi hanno espresso la volontà di visitare Ekaterinburg dopo aver visto il modellino del futuro parco espositivo, che a breve sarà presentato anche al largo pubblico. Il piano generale dell'Expo 2020 comprende la costruzione di padiglioni e infrastrutture per la mostra, di un complesso residenziale, del padiglione espositivo dedicato alla Russia (per una superficie totale di 90mila metri quadrati) e di una struttura polivalente per lo svolgimento delle grandi manifestazioni. 

Per la costruzione delle strutture dedicate all’Expo saranno assegnati oltre 500 ettari di terreno. Si presuppone che all'Expo 2020 a Ekaterinburg prendano parte quasi 150 Paesi del mondo e che il numero totale di partecipanti superi i 32 milioni di persone in mezzo anno. Il tema della candidatura russa è “Global mind. Il futuro della globalizzazione e la sua influenza sul nostro pianeta”.

Per leggere la versione originale dell'articolo, cliccare qui

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta