La parola alla Pussy Riot

Ekaterina Samutsevich, una delle tre Pussy Riot prima condannata per la preghiera punk anti-Putin e poi scarcerata, durante un'intervista rilasciata a Mosca all'agenzia France Presse

Ekaterina Samutsevich, una delle tre Pussy Riot prima condannata per la preghiera punk anti-Putin e poi scarcerata, durante un'intervista rilasciata a Mosca all'agenzia France Presse. La Samutsevich ha annunciato che presto anche le altre due compagne di band ancora in carcere, Nadezhda Tolokonnikova e MariaAlyokhina, saranno liberate dalle autorità  (Foto: AFP/East News)

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta