Il 2018 sarà l’anno cruciale per le criptovalute in Russia?

Jaap Arriens/Global Look Press
L’anno che si è concluso ha visto una crescita esplosiva di Ico (Initial Coin Offering) russe, ovvero nuove iniziative imprenditoriali che fanno fundraising in criptovaluta. Ma molte non hanno raggiunto gli obiettivi e alcune erano fraudolente. Nei prossimi dodici mesi dovrebbe arrivare la regolamentazione di Stato

Secondo l’Associazione russa per le Criptomonete e la Blockchain, il 25% dei progetti che hanno annunciato una Ico (Initial coin offering) nel 2017 si sono conclusi con un fallimento. Alcuni erano intrinsecamente deboli fin dall’inizio, mentre altri si sono trovati di fronte a problemi organizzativi interni. Alla fine dell’anno, molti progetti non sono stati in grado di raggiungere gli obiettivi di fundraising.

“Il numero di Ico fallite può essere in parte spiegato con la natura fraudolenta di alcuni progetti, così come con la mancanza di un piano chiaro su come si sarebbe sviluppato il business dopo aver raccolto la capitale”, ha detto Aleksandr Shevtsov, fondatore di Jury.Online, piattaforma di valutazione delle Ico.

Molti progetti hanno visto la raccolta di fondi sui cripto-mercati come una valida alternativa al venture capital. Sonm è tra quelli considerati di successo, anche se i risultati finali saranno chiari solo in futuro.

Sonm è un fog supercomputer universale alimentato dalla blockchain di Ethereum e progettato per l’elaborazione generica, dall’hosting di app per dispositivi mobili al rendering di video, all’analisi del Dna. Nel giugno 2017 la società ha raccolto 42 milioni di dollari (35,1 milioni di euro) in quattro giorni.

“Nel suo primo anno Sonm ha astretto relazioni con alcuni buoni partner, e ora il team sta lavorando con grandi attori del mercato dello storage decentralizzato”, ha affermato Julia Plavnik, esperta di crowdfunding e tokenization presso BoatPilot. “Il progetto ha un eccellente marketing, ha sessioni di domande e risposte aperte e, soprattutto, il team è molto attento agli investitori e impegnato nel progetto.”

Un altro progetto basato su blockchain che ha fatto notizia nel 2017 è stato il Russian Mining Center (Rmc), co-fondato dal difensore civico di Internet Dmitrij Marinichev. Il progetto sta creando un’unità di elaborazione che potrebbe aumentare di dieci volte l’efficienza del mining. Rmc ha raccolto 43,2 milioni di dollari (36,2 milioni di euro), un importo record per una Ico russa, ma ancora molto meno del suo obiettivo di 100 milioni di dollari (83,7 milioni di euro).

Secondo Shevtsov, la fine del 2017 ha visto una nuova tendenza: la comparsa in Russia di molte start-up che offrono servizi per analizzare le Ico.
“Stanno cercando di ridurre il rischio degli investitori, identificando truffatori o progetti che non decolleranno a causa del basso livello di esperienza della squadra”, ha detto Shevtsov.

Anche le autorità russe sono determinate a risolvere le questioni cruciali dell’Ico nel 2018. Il 28 dicembre scorso, il ministero delleFinanze ha presentato alla Duma di Stato, il Parlamento russo, un progetto di legge per regolare il mercato interno della criptovaluta e le Ico.

Secondo la proposta, criptovalute e token digitali potrebbero essere considerati “altre proprietà”, proprio come gli altri tipi di titoli. La soglia massima per i fondi raccolti da una Ico potrebbe essere limitata a circa 17 milioni di dollari (14,2 milioni di euro) e l’importo da parte dei piccoli investitori sarebbe limitato a 900 dollari (753 euro).

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie