Ma perché la Russia importa petrolio e gas?

Valerij Melnikov/RIA Novosti
È strano quando un grande esportatore compra dall’estero quelle risorse di cui è un famoso venditore su scala mondiale. Eppure la Russia importa greggio, metano e benzina, grano e altri cereali, e meccanica pesante. Ecco perché

Dal 1º novembre la Russia ha tolto il divieto all’importazione di pomodori dalla Turchia, che era stato introdotto dopo l’abbattimento di un jet dell’Aeronautica russa da parte delle forze turche nel 2015. 
Secondo i funzionari russi, 50 mila tonnellate di pomodori turchi potranno entrare in Russia e, quando questo limite sarà raggiunto le due parti discuteranno la possibilità di ulteriori quote. In risposta, ci si aspetta che la Turchia diminuisca le restrizioni nei confronti delle esportazioni russe di prodotti agricoli e di carne.
Non pensiate che la Russia non produca pomodori. Entro ottobre, i coltivatori russi ne hanno già raccolti, quest’anno, 190 mila tonnellate. E visto che il governo progetta di aumentare ancora la produzione interna di pomodori, il ritorno de quelli turchi non dovrebbe impattare negativamente sul comparto nazionale.
Ma l’import-export è una scienza strana. E a volte alcuni deficit, o altre cause economiche, possono costringere a importare persino quei beni dei quali il Paese è un grande produttore ed esportatore. Ecco tre esempi.
Grano e altri cereali
Negli ultimi anni la produzione agricola della Russia ha infranto tutti i record. Come abbiamo già scritto in precedenza, il Paese è ora uno dei leader mondiali nell’esportazione di frumento e segale ed è tra i maggiori fornitori di orzo, avena, e altre colture. Nonostante questo, i dati del Servizio doganale federale della Russia mostrano che il Paese sta ancora importando grano! Nel 2016 la Russia ne ha importato per il valore di 343,9 milioni di dollari.
“Compriamo frumento di alta qualità per l'industria che produce farina e per i marchi di pasta più di qualità. A causa del clima, il grano duro necessario non cresce in Russia”, ha dichiarato a Russia Beyond Ivan Rubanov, direttore del gruppo analitico del Comitato agricolo governativo russo. “Inoltre importiamo grano dal Kazakistan, che ne produce molto nel Settentrione, ma ha ostacoli logistici per l’esportazione. Quindi quel grano arriva nella Siberia occidentale, prima di essere distribuito in altre parti della Russia o all’estero”.

Petrolio, gas e benzina
Un altro punto improbabile nell’elenco delle importazioni è quello delle commodities energetiche e dei derivati del petrolio. Per esempio, l'anno scorso, la Russia ha importato prodotti petroliferi per oltre 750 milioni di dollari e 122,4 milioni di dollari di gas naturale. Perché uno dei più grandi esportatori di energia importa greggio, derivati petroliferi, benzina, gas naturale?

“Per la maggior parte, il petrolio e i suoi derivati importati nel 2016 provenivano dai Paesi della Comunità degli Stati Indipendenti (che riunisce alcuni Paesi dell’ex Urss, ndr), in particolare Kazakistan e Bielorussia, e dalla Finlandia, che è un altro partner strategico della Russia", afferma Ivan Kapitonov, vice direttore della Facoltà di regolamentazione governativa dell'economia presso l'Accademia russa delle Scienze.
Come spiega l’esperto, le ragioni di tali accordi sono principalmente legati a vantaggi di prezzo e logistici. "Se è più economico acquistare benzina in Bielorussia, è vantaggioso farlo, e lo stesso vale per il petrolio. Tali importazioni non solo aiutano a rendere più forti i rapporti politici con i vicini, ma hanno alla base anche questioni di razionalità economica".

Meccanica pesante
Macchine, attrezzature e macchinari costituiscono un altro gruppo di merci per le quali la Russia è nota come esportatrice. Ma il fatto è che l'anno scorso questo comparto ha rappresentato la parte più importante delle importazioni del Paese. Secondo i dati ufficiali, essa rappresentava quasi la metà delle importazioni complessive della Russia. E, secondo gli esperti la maggior parte dei macchinari importati provenivano da produttori europei. Non si tratta solo di nuove automobili, yacht ed elettrodomestici, però, ma soprattutto di importazioni legate agli investimenti esteri nel Paese. Sempre più aziende straniere aprono in Russia, e hanno bisogno della tecnologia necessaria per far funzionare gli impianti.

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale