Lo sviluppo delle regioni parte da Sochi

Al Forum economico internazionale si conteranno settemila partecipanti provenienti da 25 Paesi.

Al Forum economico internazionale si conteranno settemila partecipanti provenienti da 25 Paesi.

: Aleksandr Ryumin/TASS Host Photo Agency
La città affacciata sulle coste del Mar Nero ospita l'annuale Forum economico internazionale. Focus di questa edizione, i futuri investimenti nelle regioni russe e la cooperazione regionale. Attesi settemila partecipanti da tutto il mondo

Settemila partecipanti. Venticinque Paesi. Sochi diventa la capitale degli investimenti. Dal 30 settembre la città affacciata sulle coste del Mar Nero ospiterà l'annuale Forum economico internazionale, che riunirà specialisti ed esperti del settore provenienti da tutto il mondo. Secondo il vice primo ministro russo Dmitrij Kozak, almeno 70 governatori russi hanno già confermato la propria presenza.

"Il forum è conosciuto non solo per essere una piattaforma per attirare capitali stranieri, ma anche perché si rivela un'opportunità per sviluppare progetti di collaborazione tra pubblico e privato e per attrarre fondi dagli investitori russi", ha rivelato a Rbth l’analista finanziario del gruppo "Finam" Timur Nigmatullin, ricordando che nell'edizione 2015 sono stati firmati 417 contratti per un valore di 415 miliardi di rubli (6,5 miliardi di dollari).

L'evento

Sul forum potrebbero pesare le recenti elezioni della Duma di Stato, la camera bassa del parlamento russo: secondo Nigmatullin, non si escludono dei cambiamenti che potrebbero influenzare il numero totale dei progetti presentati e il volume delle offerte.

Il governatore della regione di Krasnodar, per esempio, ha fatto sapere che verrà presentato un numero di proposte di investimento di 4,5 volte inferiore rispetto allo scorso anno.

Molto probabilmente, ha aggiunto Nigmatullin, il tema chiave del forum rimarrà la sostituzione dei prodotti di importazione e lo sviluppo del potenziale delle esportazioni, anche nel settore dei servizi turistici.

L'esperienza internazionale

E l'esperienza internazionale al forum fa scuola: al termine del Forum Economico Internazionale di San Pietroburgo del 2015, per esempio, in Russia è stato aperto un ufficio di progettazione per la riforma dei settori chiave dell'economia. Questa riforma si basa sull'esperienza condivisa dall'ex primo ministro britannico Tony Blair in una sessione del forum.

"Di solito i forum economici si concentrano per la maggior parte sulla discussione dello sviluppo dell'economia russa e mondiale e sulla crescita e il rafforzamento dei legami tra i partecipanti stranieri e russi", spiega l'analista del gruppo TeleTrade, Aleksandr Egorov. A quanto pare, anche il Forum 2016 manterrà questa linea.

La scommessa delle regioni

Al centro degli incontri ci sarà la cooperazione regionale: secondo Egorov, tra i punti all'ordine del giorno ci sarà infatti la correzione della grande differenza nello sviluppo socio-economico delle regioni russe. L'obiettivo, ha precisato Egorov, sarà quello di attirare investimenti nelle regioni.

"Nonostante il coinvolgimento di funzionari federali e ospiti internazionali, il forum di Sochi avrà carattere regionale", ha dichiarato Georgij Vashchenko, capo del Dipartimento per le operazioni nel mercato azionario russo della società di investimenti "Freedom Finance". Secondo lui, il programma sta puntando proprio a questo. "Tema chiave del prossimo forum è l’attrazione degli investimenti", conferma il consigliere per la macroeconomia del direttore generale di "Otkrytie Broker" Sergej Khestanov. Secondo lui, le restrizioni verso i mercati occidentali di fatto spingono i soggetti economici russi verso la ricerca di fonti alternative di investimento.

Ti potrebbero interessare anche: 

Brexit: Russia sempre più attrattiva per gli imprenditori

Gli investimenti esteri diretti in Russia

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta