Investimenti: pubblicato un vademecum per le imprese italiane in Russia

La pubblicazione, realizzata dall’associazione Conoscere Eurasia in collaborazione con lo studio legale Pavia e Ansaldo, è stata concepita per colmare l’attuale vuoto informativo

Otto capitoli per chiarire e fissare le regole degli investimenti italiani in Russia, dagli aspetti doganali fino alla new economy. È questo, in sintesi, l’obiettivo del vademecum “Quadro legale degli investimenti nella Federazione Russa”, la nuova pubblicazione redatta dallo studio legale Pavia e Ansaldo (il principale studio legale italiano per dimensioni presente a Mosca, sin dal 1998) e dall’associazione Conoscere Eurasia, con il supporto di Banca Intesa Russia, da oggi disponibile gratuitamente, anche in versione digitale e in costante aggiornamento, per tutti gli imprenditori e uomini d’affari italiani che vogliano operare nella Federazione Russa.

Ordinamento giuridico russo; import ed export; principali contratti commerciali; società e rappresentanze commerciali; diritto tributario; proprietà intellettuale; nuova politica industriale della Federazione Russa e new economy. Sono queste le materie trattate dal vademecum, uno strumento pronto all’uso che colma un reale vuoto informativo, nonostante i numerosi manuali pubblicati negli ultimi anni sui rapporti economici bilaterali tra i due Paesi.

“Mancava uno strumento che avesse l’obiettivo di fissare le regole del gioco – commenta Antonio Fallico, presidente di Conoscere Eurasia e di Banca Intesa Russia -. Molti business plan rischiano, infatti, di essere precisi nell’ordinamento dei numeri e altrettanto imprecisi nella valutazione dell’impatto legislativo sul business stesso. Inoltre, le informazioni di questo vademecum – conclude Fallico – permettono all’imprenditore italiano di inquadrare correttamente il nuovo clima di investimenti che privilegia non più e solo il Made in Italy bensì il Made with Italy”.

“Forti di circa vent’anni di attività nel Paese – dichiara l’avvocato Sergio Forelli dello studio legale Pavia e Ansaldo –, abbiamo voluto impegnarci nella creazione di questo strumento allo scopo di far conoscere agli imprenditori e uomini d’affari italiani le principali novità che la produzione legislativa, fortemente sviluppatasi soprattutto negli ultimi 4-5 anni, ha introdotto nella Federazione Russa, principalmente con lo scopo di promuovere gli investimenti stranieri e la produzione in loco anche per mezzo di incentivi di natura fiscale e facilitazioni dal punto vista burocratico-amministrativo”.

Il vademecum “Quadro legale degli investimenti nella Federazione Russa” è da oggi disponibile gratuitamente on line agli indirizzi: www.pavia-ansaldo.it, www.conoscereeurasia.it/ru e www.eurasiatx.com.

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta