Made in Russia, la risposta alle nuove sfide dei mercati

Un momento del seminario.

Un momento del seminario.

: Ufficio stampa
Il blocco delle importazioni impone alle imprese straniere di trovare nuove misure per non perdere quote di mercato. Fra queste, la produzione in loco. Se ne è parlato in un seminario a Mosca

In un contesto economico tutt’altro che favorevole, le autorità russe hanno iniziato a introdurre misure di protezionismo che, ovviamente, impongono grossi limiti alle imprese straniere. Nonostante le restrizioni, però, gli investitori del Belpaese stanno comunque trovando il modo per portare avanti il proprio business nella Federazione. In primis, si punta alla localizzazione delle imprese straniere, di cui si è parlato durante il seminario “Made with Russia. La localizzazione delle industrie straniere in Russia”, organizzato dalla Confidustria Russia. Per non perdere quote di mercato infatti è importante trovare un partner russo, ottenere sussidi statali e sposare la strategia del “Made in Russia”.

Certificato “Made in Russia”

“Il mercato russo in questo momento può apparire chiuso agli stranieri. Ma non è così”. A dirlo è Aleks Stolyarskij, consulente dello studio legale Dentons Europe AO. Infatti se è vero che molte merci non possono più essere importante in Russia, è anche vero che buona parte delle stesse merci possono essere prodotte in territorio russo dopo aver ottenuto il certificato “Made in Russia”. Un certificato che conferma l’origine russa del prodotto. Per ottenerlo è necessario dimostrare che solo una parte del costo di produzione è stata utilizzata per l’acquisto di materie prime straniere; che solo una certa parte dei componenti arrivano dall’estero e che un certo numero di fasi produttive sono state realizzate in Russia. Inoltre sarà necessario assicurare la presenza di un centro per la garanzia e la presenza di un certo numero di documenti. Il certificato sarà valido tre anni.

Il tavolo dei relatori. Fonte: ufficio stampa

"Non credo che trasferendo la produzione in Russia vengano risolti tutti i problemi, poiché il costo della produzione non sarà di molto inferiore", commenta Stolyarskij.

L’alternativa al certificato potrebbe essere la licenza di produzione. “Gli investimenti indipendenti in Russia sono diventati più facili. Ma crescono i rischi”, aggiunge.

Contratto speciale di investimento

Esiste poi un contratto, il cosiddetto contratto speciale di investimento, che taglia i tempi per l’ottenimento del certificato. Ne ha parlato Ekaterina Suslennikova della Industry Development Fund, una fondazione statale a sostegno degli imprenditori.

Il contratto viene stipulato tra un imprenditore e un ente russo (comune o regione) e garantisce condizioni stabili per il business, misure di sostegno e tempistiche più veloci per ottenere il certificato Made in Russia.

Secondo Ekaterina Suslennikova, nel 2015 le imprese hanno ricevuto sussidi pari a 828 milioni di rubli grazie al sostegno di questa stessa fondazione, che tra i vari compiti ha anche quello di raccogliere sussidi statali.

Gli ospiti del seminario. Fonte: ufficio stampa

L’esempio reale

“È importante essere competitivi e scegliere con attenzione i propri partner”, dice Dario Ianetti, direttore esecutivo di Confindustria Russia. Un esempio di successo è stata la collaborazione tra le imprese italiane e la compagnia russa “KONAR”, impegnata nel settore metallurgico. Il capo del dipartimento ingegneristico, Evgenij Bodrov, spiega infatti che uno dei partner della compagnia è stata l’impresa italiana Termomeccanica: “Abbiamo scelto questa compagnia per diverse ragioni. E una era quella che il nostro cliente aveva condizioni rigide. Ma molta disponibilità”.

Il ciclo di seminari organizzati da Confindustria Russia prosegue: per maggiori informazioni, cliccare qui. Il 14 marzo 2016 si svolgerà poi un incontro tra i rappresentanti di Confindustria Russia e il ministro russo dell'Industria Denis Manturov.

Continua a leggere:

Istruzione, nuovo accordo tra Campania e Russia

Russia, il Paese delle nuove opportunità

Le imprese italiane in Russia

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta

Leggi di più