La crisi delle compagnie aeree

La difficoltà principale delle compagnie aeree sta nel fatto che i proventi della vendita dei biglietti sono in rubli, mentre gli aerei utilizzati devono essere pagati in valuta straniera (Foto: Yuri Smituk / Tass)

La difficoltà principale delle compagnie aeree sta nel fatto che i proventi della vendita dei biglietti sono in rubli, mentre gli aerei utilizzati devono essere pagati in valuta straniera (Foto: Yuri Smituk / Tass)

Transaero e Utair, al secondo e al terzo posto nel mercato russo dei cieli, hanno chiesto aiuto allo Stato. Secondo gli esperti, i problemi finanziari sarebbero legati alla stretta creditizia e alla caduta del rublo

Il management di Transaero, la seconda compagnia aerea russa più importante (utilizzata nel 2013 da 12,5 milioni di passeggeri) e quello di Utair, la terza (con 8,1 milioni di passeggeri nel 2013), hanno chiesto aiuto al governo. Lo si è appurato da un annuncio fatto dal Ministro russo dei trasporti, Maxim Sokolov, all’agenzia di stampa Itar-Tass. Secondo il ministero, le compagnie aeree hanno incontrato difficoltà nell’ottenere credito e non sono state in grado di ristrutturare il capitale d’impresa. Una delle forme di assistenza che le compagnie aeree hanno chiesto sono le garanzie sui crediti statali. Di conseguenza, il governo ha istituto una commissione apposita che entro un mese dovrà mettere a punto un piano per sostenere il settore.

Secondo il parere degli esperti, la difficoltà principale delle compagnie aeree sta nel fatto che i proventi della vendita dei biglietti sono in rubli, mentre gli aerei che le compagnie aeree utilizzano devono essere pagati in valuta straniera. Dall’inizio del 2014 la valuta nazionale russa ha perso il 25 per cento del suo valore, e ciò ha portato a un drastico aumento nel pagamento di partner stranieri.

Compagnie di bandiera contro low cost

Secondo Dmitri Baranov, analista senior presso Finam Management, le compagnie aeree hanno iniziato ad avere problemi proprio a causa del calo del rublo negli ultimi mesi. “Il cumulo dei debiti delle compagnie aeree è stato relativamente tollerabile e finché il rublo non si è deprezzato esse sono riuscite facilmente a ripagare i proprie debiti”, ha spiegato Baranov. “Non appena il rublo ha iniziato a deprezzarsi, però, le compagnie aeree hanno iniziato ad avere problemi, dal momento che incassano i propri utili in rubli ma effettuano i loro pagamenti, soprattutto per gli aerei delle loro flotte acquistati all’estero, con valuta straniera”.

Le ragioni principali

I primi segnali negativi sono comparsi nel settore all’inizio del 2014, quando in due mesi il rublo ha perso il 10 per cento del suo valore rispetto all’euro: secondo Anna Milostnova di UFS IC, era chiaro che questa situazione avrebbe influenzato le compagnie aeree che effettuano voli internazionali. “Aeroflot ha reagito abbassando i prezzi in euro sui voli internazionali in partenza dalla Russia” ha spiegato l’analista.

 
La sicurezza degli aeroporti russi 

Nondimeno, secondo Milostovna, il numero dei passeggeri di Aeroflot nei primi otto mesi del 2014 è calato dello 0,8 per cento. Per di più, l’indebolimento del rublo e la riduzione dei flussi turistici hanno portato al fallimento di una serie di tour operator russi, che ha avuto a sua volta ripercussioni anche sulle posizioni finanziarie delle compagnie aeree.

“L’attuale situazione nel mercato del trasporto aereo può essere definita critica nel settore operativo dell’aviazione e pre-critica nell’ambito del trasporto passeggeri” dice Oleg Panteleev, direttore dell’Agenzia Aviaport. Panteleev crede che a influenzare il mercato siano numerosi fattori contemporaneamente: prima di tutto il rallentamento della crescita economica porta a un calo dei passeggeri che devono essere trasportati, mentre la svalutazione della valuta nazionale aumenta le spese in rubli degli aerei in leasing e della manutenzione tecnica. “Oltretutto, un rublo più debole riduce per molti turisti russi le opportunità di andare in vacanza all’estero, e ciò porta a una contrazione della crescita dei voli internazionali”, riassume Panteleev.

L’aumento delle spese per i prestiti sullo sfondo di un panorama di forte indebitamento delle compagnie aeree russe può anche portare a un aumento delle spese relative agli interessi sul debito. E la riduzione del reddito della popolazione implicherà necessariamente di abbassare i prezzi.

Ostaggi della crescita

Oleg Panteleev crede che le compagnie aeree siano diventate per così dire ostaggi della rapida crescita del mercato negli anni immediatamente precedenti. “Non è bastato che le compagnie aeree ristrutturassero il loro capitale acquistando aerei moderni per adeguarsi alla crescita costante del numero dei passeggeri” dice Panteleev. “Le compagnie aeree non possono crescere con i loro stessi soldi: avrebbero dovuto attirare credito”. In questo modo, secondo Panteleev, l’insolita crescita nel trasporto passeggeri si sarebbe accompagnata a una rapida crescita dei prestiti creditizi. Quando la crescita ha iniziato a contrarsi, e le spese sono aumentate più degli utili, e quando i prestiti sono diventati di gran lunga più cari, i problemi finanziari del settore sono inevitabilmente apparsi. In ogni caso, gli esperti dicono che molto probabilmente le compagnie aeree russe potranno dipendere dall’aiuto del governo.

“Il governo in molte occasioni ha detto che la Russia ha un bisogno cruciale di sviluppare il trasporto aereo, anche con voli regionali, e che la scomparsa anche di un solo attore importante assesterebbe un brutto colpo al trasporto aereo in genere, riportando indietro l’intero settore di parecchi anni” dice Dmitri Baranov. Per di più, Baranov crede che la chiusura di una compagnia aerea porti alla disoccupazione in molte regioni e alla riduzione di introiti per il bilancio pubblico.

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta