La corsa ai nuovi centri commerciali

La Russia è in vetta alla classifica per le costruzioni di centri commerciali (Foto: Itar Tass)

La Russia è in vetta alla classifica per le costruzioni di centri commerciali (Foto: Itar Tass)

Con oltre 450mila metri quadri di superficie da destinare alle vendite, la Russia occupa i primi posti della classifica europea in termini di costruzione di shopping center

La Russia si è collocata al primo posto in Europa in termini di costruzione di superfici da adibire alle vendite, ma ha ancora un rapporto inferiore tra centri commerciali esistenti e popolazione: lo attesta una ricerca di Cushman & Wakefield.

Con oltre 456.200 metri quadri di superficie realizzati soltanto nella prima metà del 2013, la Russia è balzata in vetta alla classifica delle costruzioni di centri commerciali, seguita dalla Turchia che, nel medesimo periodo, ha costruito 422.500 metri quadrati.

La Russia, capitale dello shopping

Il giornale Vedemosti ha riferito che la Russia è al terzo posto subito dietro Turchia e Gran Bretagna per numero di centri commerciali già operativi, ma entro la fine del 2014 potrebbe eclissare la Gran Bretagna con quasi 19 milioni di metri quadrati in edifici da adibire alle vendite.

In ogni caso, in termini di rapporto tra superfici commerciali e popolazione, la Russia è soltanto al 28mo posto della classifica europea con soli 111 metri quadrati ogni mille abitanti. Al primo e al secondo posto della classifica si situano rispettivamente Norvegia e Lussemburgo, con 632 e 538 metri quadrati di superfici commerciali pro-capite.

Benché nel rapporto si legga che la Russia detiene il record nella costruzione di centri commerciali, secondo gli analisti il mercato è assai lontano dal potersi definire saturo. “Non abbiamo ancora un numero record di centri commerciali e la nostra azienda è alla costante ricerca di spazi da adibire alle vendite, compito non facile da espletare”, ha detto Patrick Longuet, capo della catena di negozi O’KEY.

Il rendimento degli investimenti in questo campo è abbastanza buono e i protagonisti del settore prevedono che le aziende possano trarre  profitto dalla costruzione dei centri commerciali.

I centri commerciali al top rendono il 9 per cento annuo, rendimento  addirittura superiore nelle provincie. Secondo la società di servizi Cbre per le proprietà immobiliari destinate ai commerci il rendimento è quantificabile tra il 10 e il 13 per cento. Le città europee possono soltanto sognare rendimenti simili nel settore retail, dicono, essendo quantificabili tra il 2,7 e il 3,5 per cento a Londra, tra il 4 e il 4,5 per cento a Parigi e intorno al 6 per cento a Varsavia.

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta