Nuovi posti di lavoro per top manager stranieri

Agevolato il processo di ottenimento dei visti e dei permessi di lavoro per specialisti stranieri(Foto: Kommersant)

Agevolato il processo di ottenimento dei visti e dei permessi di lavoro per specialisti stranieri(Foto: Kommersant)

Il governo russo ha approvato un disegno di legge che semplifica notevolmente il processo di ottenimento dei visti e dei permessi per gli specialisti dall'estero

La Russia apre le porte ai professionisti provenienti dall'estero. Il governo ha infatti approvato un disegno di legge che semplifica notevolmente il processo di ottenimento dei visti e dei permessi di lavoro per gli specialisti stranieri, e stiamo parlando di un coinvolgimento di lavoratori oltre alla quota di migranti già stabilita dal governo.

Tuttavia, gli esperti russi sostengono che questo non significa in alcun modo violare i diritti degli specialisti russi e che servirà eventualmente ad aiutare l'economia del Paese.

La quota di manodopera straniera, che è stata stabilita per il 2013 dal Ministero del Lavoro, è di 1.750.000 persone. Tra i fuori quota figurano i rappresentanti di cinquantanove specialità. Una grave carenza di manodopera specializzata si sta facendo sentire soprattutto nel settore finanziario, del carburante e dell’informatica.

La semplificazione delle procedure per l'ottenimento dei visti e dei permessi di lavoro non è un'idea nuova. Tali suggerimenti e richieste, da parte sia delle società straniere che di quelle russe, sono stati discussi a lungo, secondo quanto afferma l'analista dell'Istituto per lo Sviluppo moderno, Nikita Maslennikov. Si tratta di portare il mercato del lavoro a un livello di conformità con i requisiti del Wto (Organizzazione mondiale del commercio), di cui la Russia fa parte dal 2012: "Il Wto è per noi una nuova sfida. Le nostre imprese si aprono più decisamente verso l'economia mondiale, e naturalmente vi è necessità di professionisti altamente qualificati che possano fornire un collegamento con il Wto. Inoltre, è preferibile che tali professionisti conoscano le regole e gli standard del Wto".

"Per preparare professionisti di questo livello, la Russia impiegherà dai cinque ai sette anni", aggiunge Nikita Maslennikov. Così, a riempire il vuoto nel mercato del lavoro sono stati invitati lavoratori provenienti da altri Paesi.

Saranno in grado di ottenere il permesso per lavorare al di fuori della quota di lavoratori stranieri prevista i top manager e i dipendenti chiave di uffici di rappresentanza di società estere, con una retribuzione non inferiore ai due milioni di rubli all'anno. Tuttavia, questi dovranno completare almeno un anno di lavoro presso la società che li ha invitati in Russia. In questo modo, in una filiale potranno essere chiamati non più di cinque persone, e nel settore bancario non più di due persone. Il permesso di lavoro sarà rilasciato a termine del contratto di lavoro.

Gli specialisti russi di qualsiasi livello non saranno colpiti in nessun modo, perché nessuno ha intenzione di licenziare i manager efficaci, ha dichiarato a La Voce della Russia l’analista dell'Istituto di Globalizzazione e dei Movimenti Sociali, Vasilij Koltašev: "Non è un segreto che ad oggi la Russia stia vivendo una grossa carenza di personale qualificato e di alta qualità: tale personale non è mai sufficiente per l’uno o l'altro settore. Questo è uno dei motivi per cui a Mosca e in altre grandi città i salari degli specialisti sono spesso superiori rispetto alla media europea. Questi posti possono attrarre gli stranieri, e attirarli è una cosa utile e promettente".

Il disegno di legge impone alcune restrizioni sul numero e sulla posizione degli stranieri, che sono soggetti ad una procedura semplificata per l'ottenimento dei permessi di lavoro. In altre parole, permette ai russi di beneficiare di un ufficio per essere alla pari con gli esperti stranieri.

Allo stesso tempo, il documento da diritto ad un permesso valido non più di un anno, come è stato finora, ma tre. Il disegno di legge dovrebbe essere approvato dopo il ritorno della Duma di Stato russa dalle vacanze estive.

Per leggere l'articolo in versione originale cliccare qui

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta