Yandex su iOS 7

Nel 2012 Apple ha integrato l'App Yandex geosearch (Foto: PhotoXpress)

Nel 2012 Apple ha integrato l'App Yandex geosearch (Foto: PhotoXpress)

La società russa è stato aggiunta alla lista di Safari dei motori di ricerca, a fianco di Google, Bing e Yahoo

Alla conferenza WWDC 2013 di San Francisco, Apple ha presentato il suo nuovo dispositivo iOS 7. Per ora è accessibile solo agli sviluppatori, gli utenti comuni potranno installarlo solo a partire dall’autunno 2013. All’acceso dibattito sugli aspetti positivi e negativi del nuovo sistema operativo, che l’amministratore delegato di Apple, Tim Cook, ha definito “il più grande cambiamento di tutta la storia dell’iPhone”, hanno partecipato sviluppatori provenienti da Russia, Ucraina e Turchia. Gli sviluppatori hanno scoperto che ai motori di ricerca abitualmente proposti, Google, Bing e Yahoo, è stato aggiunto all’iOS 7 anche il russo Yandex.

La notizia è stato confermata da Yandex, senza l’aggiunta di ulteriori dettagli. Le implicazioni finanziarie della partnership tra Yandex e Apple non sono state rese note. Secondo fonti del giornale russo Kommersant, per essere inclusa tra i motori di ricerca di Safari, la società russa avrebbe pagato alla Apple una somma che va “da parecchi milioni a parecchie decine di milioni di dollari”.  “Dipende tutto dai parametri: se la somma è fissa o legata al numero di accessi o dal tipo di scadenza del contratto, ecc.”, ha spiegato una fonte della testata. Tanto per fare un confronto: a febbraio 2013 è stata diffusa la notizia che nel 2014 Google pagherà alla Apple un miliardo di dollari per poter continuare a essere il servizio di navigazione Internet incluso di default negli iOS. Nel 2009 Google aveva pagato per lo stesso diritto 82 miliardi di dollari.

A settembre 2012 Apple aveva integrato nelle sue mappe API (l’interfaccia di programmazione delle applicazioni) il motore di ricerca geografica di Yandex. Con la tecnologia di Yandex è possibile effettuare in Russia qualunque tipo di ricerca nelle mappe Apple. Allora Apple aveva sviluppato l’integrazione delle sue mappe con l’applicazione mobile Yandex.Maps. In precedenza, alla fine del 2011, Yandex aveva stipulato un accordo di partnership strategica in Russia e nei Paesi della Csi con un altro produttore leader del settore, il sudcoreano Samsung: in particolare, il motore di ricerca Yandex era stato incluso negli smartphone Samsung su piattaforma Bada.

Sono pochi i browser locali nel mondo che hanno potuto essere integrati tra i motori di ricerca negli iOS, per esempio Baidu in Cina. Secondo l’opinione del program manager di Parallels, Dmitri Martynov, trasformare Yandex in un browser locale a disposizione degli utenti è stata, dopo quella dell’integrazione delle mappe, un’evidente conquista di Apple, ed era solo questione di tempo.

È poco probabile che l’integrazione di Yandex in iOS 7 possa influire significativamente sulla sua quota di mercato e sugli indicatori finanziari, afferma l’analista di Uralsib, Konstantin Belov: il suo motore di ricerca non è fondamentale e la quota dei dispositivi Apple in Russia non è così cospicua, soprattutto se si pensa alla presenza di Android. Ma Yandex deve prepararsi a un’emorragia di utenti verso i dispositivi mobili e perciò risulta importante essere presenti su tutte le piattaforme mobili.

Il fondatore di LiveInternet, German Klimenko, ritiene che la notizia della firma di un contratto tra Apple e Yandex sia più una questione d’immagine che di sostanza. I possessori di iPhone e iPad effettuano un numero di ricerche in Internet di gran lunga inferiore a quello dei possessori di computer. A detta dell’esperto, Yandex avrebbe portato vantaggi più pratici se, per esempio, fosse stato installato per default per gli utenti russi nel sistema operativo Firefox (secondo i dati di maggio 2013 di LiveInternet Firefox occupa sul mercato russo il terzo posto tra i browser, dopo Chrome e Opera, con una quota del 18 per cento).

Yandex è il più importante motore di ricerca russo. Secondo le stime di maggio 2013 di LiveInternet la sua quota di accessi nell’Internet russo sarebbe del 61,5 per cento, quella di Google del 26,2 e quella di Mail.ru dell’8,7. Yandex dovrà investire molti sforzi per non perdere le sue posizioni nel mercato; un numero sempre più crescente di dispositivi mobili utilizza il sistema operativo Android dove per default sono già inclusi i servizi di navigazione Google.

Sempre secondo i numeri di maggio 2013 di LiveInternet, a utilizzare dispositivi su base Android è il 15,4 per cento degli utenti, nell’arco di un anno l’indicatore è aumentato di quasi 3 punti e mezzo. Mentre la quota di utenti di iOS (iPhone più iPad) sarebbe aumentata dell’8,5 per cento, con una crescita pari al doppio. Complessivamente la quota di Safari per numero di utenti russi ha raggiunto a maggio 2013 il 16 per cento.

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta