Louis Vuitton si prepara alle Olimpiadi di Sochi

Il brand francese del lusso progetta di espandersi in Russia, ma non rivela i propri investimenti e indicatori finanziari nel mercato del Paese (Foto: Kommersant)

Il brand francese del lusso progetta di espandersi in Russia, ma non rivela i propri investimenti e indicatori finanziari nel mercato del Paese (Foto: Kommersant)

Il marchio francese di lusso ha in programma di inaugurare uno store a Sochi, la città che ospiterà i Giochi invernali, mentre pianifica di esplorare il mercato dell'e-commerce nel Paese

Louis Vuitton sta progettando di accrescere la presenza del brand sul mercato russo sia espandendo i propri punti vendita esistenti, che aprendone di nuovi, ha riferito Roberto Eggs, presidente di Louis Vuitton Nord Europa.

La quinta boutique del brand verrà inaugurata durante l’estate 2013 a Sochi. Secondo Eggs, considerata la sua location geografica, questo punto vendita sarà concettualmente simile agli store del brand che si trovano a Courchevel e Saint Tropez.

Louis Vuitton (LV) è stato il primo rivenditore autorizzato ad approdare sul mercato russo da solo, con l’apertura di un punto vendita a Mosca, in viale Stoleshnikov nel 2003. Seguito un anno dopo da una seconda boutique presso i grandi magazzini GUM, e da due nuove aperture a San Pietroburgo tre anni dopo e a Ekaterinburg nel 2009.

Sei anni fa, l’ex-presidente e ceo di LV, Yves Carcelle ha riferito che la società stava prendendo in considerazione l’apertura di nuovi punti vendita a Rostov-sul-Don, Samara e Nizhny Novgorod. Ma la società ha rivisto i suoi piani, decidendo di concentrarsi invece sul mercato moscovita, il cui potenziale, secondo Roberto Eggs, è tutt’altro che saturo, così come per i Paesi della Csi.

Il team russo ha inaugurato punti vendita del brand in Kazakhstan e Ucraina, e presto lancerà una boutique a Varsavia. Eggs ha anche sottolineato che LV ha già negoziato un ampliamento del proprio punto vendita in viale Stoleshnikov a Mosca.

L'azienda non ha reso noti i propri investimenti in Russia o le sue performance finanziarie nel Paese. Tuttavia, secondo Roberto Eggs, LV è contento di come stanno procedendo le cose per i suoi negozi in Russia: tutti, compreso quello che è stato inaugurato quattro anni fa a Ekaterinburg, sono in utile. La Russia è uno dei cinque mercati ad alta priorità per LV.

La società ha tradotto il proprio sito Web in russo per il pubblico locale all'inizio del 2013. Ora sta pensando di creare un negozio online locale ed è alla ricerca di un partner per la logistica. Detto questo, i punti vendita fisici rimarranno il principale canale di vendita del marchio.

Per leggere l'articolo in versione originale cliccare qui

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta