Ryazan, una regione per fare affari

La regione di Ryazan si trova a circa 150 chilometri a Sud-Est di Mosca (Foto: Ufficio Stampa)

La regione di Ryazan si trova a circa 150 chilometri a Sud-Est di Mosca (Foto: Ufficio Stampa)

Sono già diverse le imprese italiane presenti sul territorio, tra cui Magneti Marelli. Il governatore locale Oleg Kovalev: "Prevediamo forme di sostegno economico e lavoriamo per attrarre nuovi progetti"

Visitando il sito Internet del Ministero dello Sviluppo Economico e del Commercio della Regione di Ryazan, segnati su una cartina interattiva (in lingua russa) si trova una cinquantina di proposte di investimento, oltre a duecento cantieri aperti e altrettanti progetti in fase di realizzazione. Parte da qui, infatti, dal sito www.mineconom.ryazangov.ru, il primo approccio della regione con il business: una piattaforma attraverso la quale gli investitori possono ottenere informazioni sui progetti, le proposte e i cantieri allestiti in questa regione, situata nella parte centrale della Russia Europea, a circa 147 chilometri a Sud-Est di Mosca.

Il governatore della Regione
di Ryazan, Oleg Kovalev
(Foto: Ufficio Stampa)

“Il governo della Regione sta lavorando attivamente per promuovere ulteriormente i progetti e migliorare il clima degli investimenti nel nostro territorio – spiega il governatore della Regione, Oleg Kovalev -. È per questo che abbiamo messo a disposizione una pagina Web dedicata al business. Oltre a ciò, nel nostro territorio è stato adottato un provvedimento che prevede aiuti governativi alle attività di investimento, per creare le migliori condizioni per lo sviluppo economico di Ryazan”.

Le forme di supporto statale agli investitori, così come spiega il governatore, si dividono in due categorie principali: quelle destinate ai “progetti di investimento prioritari”, ovvero dove il volume degli investimenti non è inferiore ai 300 milioni di rubli, o 100 milioni di rubli in caso di ricostruzione e modernizzazione; e quelle riservate ai “progetti di investimento base”, dove il volume degli investimenti risulta non inferiore a 20 milioni di rubli per le piccole e medie imprese.

Imprese alla conquista di Yaroslavl

“Ultimamente sono stati conclusi 9 accordi di investimento, per un volume totale di investimenti pari a circa 22 miliardi di rubli – aggiunge Kovalev -. Sono stati creati quasi duemila posti di lavoro. E altri sette progetti sono ora al vaglio del Ministero dello Sviluppo Economico e del Commercio”.

Secondo i dati resi noti dalla Guida per gli operatori economici italiani nella Federazione Russa, nella regione di Ryazan nel 2010, l’indice di produzione industriale è aumentato del 110,3 per cento rispetto al 2009, e nel periodo gennaio-novembre 2011 è cresciuto del 106,5 per cento, rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. “La nostra regione è aperta agli investitori, e il governo locale sta lavorando per attrarre nuovi progetti e migliorare il clima in investimenti sul territorio”, ha spiegato Kovalev.

Nel 2010, l’indice di produzione industriale nella regione di Ryazan è aumentato del 110,3 per cento rispetto al 2009 (Foto: Ufficio Stampa)

Per quanto riguarda la presenza italiana nel territorio della regione, sono diverse le imprese del Belpaese presenti a Ryazan: “Sono arrivate negli anni Novanta, e al giorno d’oggi danno lavoro a migliaia di persone – fa notare il governatore -. Tra queste si contano Fulvio, Italstil e Isabel, che operano nel campo dell’industria leggera, producendo tessuti e capi d’abbigliamento. Seguono poi Automotive Lighting e Magneti Marelli, che si occupano di componentistica automotive. La holding Automotive Lighting è al secondo posto al mondo tra i produttori di illuminazione per il settore automobilistico. Realizza fari antinebbia e retrovisori”.

Nizhny Novgorod, capitale
russa degli investimenti

La regione di Ryazan si sta preparando inoltre ad ospitare parchi industriali e zone economiche speciali: “A nostro parere, i cluster e i parchi tecnologici e industriali della nostra regione sono perfettamente in grado di soddisfare le esigenze degli investitori – dice -. Stiamo inoltre pensando di organizzare incontri di affari con gli imprenditori italiani nella nostra regione, organizzare presentazioni tematiche e business meeting. Poi, grazie al sostegno dell’Ambasciata d'Italia e della Camera di Commercio russa in Italia, vorremmo presentare le potenzialità di investimento direttamente nel vostro Paese, continuando a partecipare ai forum economici, ai quali la regione di Ryazan ogni anno prende parte attivamente”.

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta