Un'azienda bio all'assalto del mercato

Il direttore generale del consorzio statale "Prjamo s fermy" ("Direttamente dalla fattoria") Andrei Mashuk (Foto: Kommersant)

Il direttore generale del consorzio statale "Prjamo s fermy" ("Direttamente dalla fattoria") Andrei Mashuk (Foto: Kommersant)

Il direttore generale del consorzio statale "Prjamo s fermy" ("Direttamente dalla fattoria") Andrei Mashuk racconta quanto costa mettere in piedi un'impresa agricola in Russia e spiega come affrontare la concorrenza dei grandi gruppi industriali

Il direttore generale del consorzio statale "Prjamo s fermy" ("Direttamente dalla fattoria"), Andrei Mashuk, racconta quanto costa mettere in piedi un'azienda agricola in Russia e spiega come affrontare la concorrenza dei grandi gruppi industriali. E assicura: "Le piccole aziende agricole possono soddisfare fino al 50 per cento della domanda".

Come mai le piccole aziende agricole negli ultimi anni sono diventate tanto di moda in Russia? Offrono buone possibilità di guadagno?
Non più di un paio di anni fa i consumatori hanno capito di voler mangiare alimenti sani. Dopo le cotolette surgelate e i succhi di frutta liofilizzati che invasero la Russia negli anni '90, è iniziato un ritorno agli alimenti sani e naturali: è diventato di moda prendersi cura della propria salute e seguire un'alimentazione corretta. In contemporanea con questo fenomeno, nel Paese hanno cominciato a svilupparsi rapidamente le piccole aziende agricole. Quanto ai guadagni, questo business non offre margini elevati. Non si può fare affidamento su un rapidoritorno degli investimenti. Noi abbiamo cominciato come semplice negozio online, come piattaforma per la vendita di prodotti freschi naturali, e abbiamo ottenuto i primi guadagni solo un anno e mezzo dopo dell'apertura. La promozione e l'organizzazione di un sistema di logistica ben rodato, del nostro complesso produttivo e dei magazzini hanno richiesto ingenti mezzi. Ora abbiamo anche delle quote di partecipazione in alcune piccole aziende. Guadagniamo sui grandi volumi di vendita.

Quanti soldi bisogna investire per creare da zero un'azienda con 100-150 bovini?
Per partire servono 1,5 - 2 milioni di dollari. Successivamente occorrono altri investimenti per costruire una struttura d'impresa verticalmente integrata: i propri sistemi di mungitura, i servizi veterinari, la preparazione dei mangimi, etc. Se si coltivano in proprio i mangimi per gli animali, non si è dipendenti dai prezzi di borsa delle materie prime e si può essere certi della loro qualità. Se non si ha un proprio veterinario all'interno dell'azienda, ci si può non accorgere di una mucca malata, e sulle tavole dei consumatori insieme al latte possono arrivare batteri patogeni, stafilococchi, etc.  Se l'allevatore non è perfettamente sicuro di tutti questi aspetti, non ha il diritto di chiamare i suoi prodotti "naturali".    

Costruire delle infrastrutture di proprietà è un vero e proprio lusso. Chi fa credito alle aziende agricole?
Nonostante i rischi, è un tipo di attività piuttosto diffuso. Si possono trovare delle sovvenzioni statali o attrarre degli investimenti. Esistono alcuni programmi statali per il sostegno ai produttori agricoli, ad esempio in forma di compensazione di una parte del tasso di rifinanziamento del credito bancario. Noi, per esempio, cerchiamo di lavorare con le aziende agricole che sono in grado di attrarre investimenti, che comprendono in che modo lo stato le può aiutare, etc. Significa che hanno motivazione, esperienza, competenze, conoscenza del mercato, etc. 

Le piccole aziende agricole russe sono interessanti per gli investitori stranieri?
So per esperienza personale che molti investitori stranieri dimostrano un forte interesse per il nostro consorzio e per i nostri partner.

Le piccole aziende possono reggere la concorrenza dei grandi gruppi dell'industria alimentare?
In realtà la percentuale di prodotti delle piccole imprese agricole sul mercato russo non è poi così ridotta. Secondo le statistiche, i grandi gruppi agroindustriali coprono meno della metà del volume totale dei consumi. Il resto lo fanno le piccole imprese e le aziende agricole. Eppure, per esse è più difficile farsi strada sul mercato: non hanno le stesse possibilità di marketing, di spesa per la promozione dei loro prodotti, non hanno le risorse per acquistare nuovi impianti produttivi. Per la grande distribuzione è più semplice e conveniente lavorare con i grandi gruppi che già offrono una vasta gamma di prodotti, un sistema di logistica ben rodato, un certo budget destinato alla pubblicità. Anche se, lo ripeto, potenzialmente le piccole aziende agricole sarebbero in grado di soddisfare anche metà della domanda di carne e latticini in Russia. 

I prodotti a marchio "Prjamo s fermy" si trovano sugli scaffali di grandi catene come Metro Cash & Carry. È stato difficile raggiungere un accordo con i retailers?
Oggi siamo presenti in molti super e ipermercati. Non posso dire che entrare in queste catene sia stato semplice per noi. Siamo stati sottoposti a un audit della qualità delle aziende agricole per Metro Cash & Carry, abbiamo dovuto cambiare le nostre confezioni, le tecniche di preparazione delle spedizioni; ma per noi è stato più facile che per la maggior parte dei produttori sul mercato; innanzitutto perché i nostri prezzi sono i più accessibili tra quelli dei produttori di alimentari naturali. Non tutti i supermercati sono disposti a vendere una ricotta il cui prezzo raggiunge i 30 dollari al chilo (il prezzo della ricotta di produzione industriale parte dai 3 dollari al chilo).

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta