Dreamworks, parchi a tema in Russia

I personaggi della Dreamworks sono molto popolari in Russia. Da sinistra a destra, il ceo di Dreamworks, Jeffrey Katzenberg, e Amiran Mutsoev del board di GK Regiony (Fonte: GK Regiony)

I personaggi della Dreamworks sono molto popolari in Russia. Da sinistra a destra, il ceo di Dreamworks, Jeffrey Katzenberg, e Amiran Mutsoev del board di GK Regiony (Fonte: GK Regiony)

Aperture a Mosca, San Pietroburgo ed Ekaterinburg, per una superficie complessiva di circa 1 milione di metri quadrati e un costo pari a un miliardo di dollari. Altri colossi dell'animazione mondiale si mobilitano

La compagnia statunitense DreamWorks Animation costruirà in Russia il suo primo parco di divertimenti. La scelta del Paese non è casuale, il mercato russo dell'entertainment ha avuto un’impennata e i giganti del mondo si affrettano a occuparne una nicchia. La Universal e Angry Birds hanno già dato l'annuncio di progetti analoghi.

 Il giovane imprenditore russo Alec Mutsoev – tre figli, il più grande dei quali di appena sei anni – racconta sorridente il nuovo progetto. La sua famiglia è co-proprietaria dell’azienda GK Regiony, il partner russo della DreamWorks Animation. "Vedendo l'entusiasmo dei miei figli quando guardano questi cartoni animati, mi viene voglia di regalare la stessa gioia ai bambini del nostro Paese con parchi a tema", dice, confessando a Russia Oggi di incantarsi davanti ai personaggi di "Madagascar".

GK Regiony, di cui Alec è membro del Consiglio d'amministrazione, costruirà a Mosca, San Pietroburgo ed Ekaterinburg tre parchi al coperto della DreamWorks Animation per una superficie complessiva di circa 1 milione di metri quadrati. Il progetto avrà un costo pari a un miliardo di dollari, di cui il 30% proviene dalla società stessa e il 70% da prestiti bancari. A San Pietroburgo e a Ekaterinburg sono già state scelte i due siti di costruzione. Le trattative per quello di Mosca sono in corso.

Amiran Mutsoev, parente di Alec e membro del consiglio direttivo di GK Regiony, calcola che le spese del progetto saranno coperte in dieci anni e il parco accoglierà 11,7 milioni di visitatori all’anno (per fare un confronto, nelle tre città vivono circa 20 milioni di persone). Il prezzo dell'ingresso sarà all'incirca quello medio sul mercato, dai 50 agli 80 dollari, incluso il pass per tutte le giostre.

Per ora non si sa con precisione quali attrazioni verranno installate in questo parco di divertimento; si tratta del primo progetto della DreamWorks nel mondo. Si sa soltanto quali saranno i cartoni e i personaggi inclusi: "Shrek", "Madagascar", "Dragon Trainer" e "Kung-fu panda". Accanto al parco sorgeranno alcuni centri commerciali, ristoranti e cinema, oltre a un hotel tre stelle e a un parcheggio con 11.000 posti. Il primo parco dovrebbe essere inaugurato nel 2015.

La fine del 2012 e l'inizio del 2013 sono stati particolarmente ricchi di progetti di questo tipo in Russia. Non molto tempo prima dell'annuncio della DreamWorks è apparsa la notizia che in varie città russe nasceranno i parchi di Angry Birds, anche se in effetti la superficie sarà minore (10.000 metri quadrati al massimo).

Nel dicembre del 2012 la Commissione per le politiche urbane e di sviluppo di Mosca ha approvato un progetto edilizio per un complesso alberghiero-commerciale nella parte Sud della capitale, dove verrà collocato un parco a tema dell'Universal Studios di Hollywood. In questo caso sarà la compagnia Bin a fare da partner russo, i capitali investiti in un solo parco dei divertimenti – 3 miliardi di dollari – saranno tre volte superiori a quelli impiegati nel progetto della DreamWorks in tre diverse città. I lavori dovrebbero iniziare a breve. Sarà il quinto parco a tema degli Universal Studios al mondo e il primo in Europa.

La fetta di mercato dei parchi di divertimento in Russia non è ancora stata toccata, anche se a Mosca, per esempio, sono in funzione alcuni celebri parchi dove è possibile passeggiare con i figli e i cui impianti fanno sperare per il meglio, senza essere troppo lontani da quello che si vedeva durante il socialismo.

Amiran Mutsoev non ha paura della concorrenza da parte di altri progetti hollywoodiani. “I personaggi della DreamWorks sono molto più conosciuti in Russia”, afferma con convinzione. Condivide lo stesso parere anche il direttore generale della DreamWorks Animation, Jeffrey Katzenberg, riportando i dati del 2012, stando ai quali “Madascar 3” è diventato per volume d’incassi il secondo cartone animato in tutta la storia della distribuzione russa. La pellicola ha fruttato nei cinema della Federazione più di 48 milioni di dollari. Spadroneggia anche l’“Era glaciale 4” degli studios della 20th Century Fox. “I personaggi della DreamWorks sono i più conosciuti in Russia, a differenza di quelli della Disney o della Universal. Tra i film d’animazione di successo, 6 produzioni su 10 sono della DreamWorks”, ha fatto sapere il direttore durante la presentazione del progetto.

D’altro canto un posto al sole c’è per tutti. Il mercato russo dell’entertainment cresce a un ritmo del 10 per cento all’anno. Nel 2011 è aumentato del 12 per cento, raggiungendo 24,1 miliardi di dollari ed entrando tra i primi dieci mercati del mondo a rapida crescita, come riferisce PricewaterhouseCoopers.

Più del 60 per cento degli introiti è fatturato proprio da Mosca, San Pietroburgo ed Ekaterinburg, dove Regiony ha intenzione di costruire i parchi della DreamWorks Animation, come riferito da Mutsoev. Gli esperti di PwC prevedono che per il 2014 il mercato russo dell’entertainment diventi il più importante nell’area dell’Europa, del Medio Oriente e dell’Africa, superando la Spagna e raggiungendo nel 2016 un volume d’affari complessivo di 39 miliardi di dollari.

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta