Musica, ecco quale sarà la canzone che rappresenterà la Russia all’Eurovision

Anton Belitskij/Global Look Press
Sergej Lazarev è tra i favoriti della nuova edizione del concorso canoro e ha da poco annunciato il brano con il quale si esibirà sul palco di Tel Aviv. Il videoclip ha collezionato in pochi giorni milioni di visualizzazioni

Sergej Lazarev, l'artista che rappresenterà la Russia all'Eurovision Song Contest 2019, ha annunciato nei giorni scorsi il titolo della canzone in gara: il pezzo si chiama “Scream” e il videoclip, pubblicato su YouTube, ha collezionato in soli due giorni più di 2,5 milioni di visualizzazioni.

Il cantante, secondo la critica, è tra i favoriti della 64° edizione del concorso che si svolgerà quest’anno a Tel Aviv, in Israele, grazie alla vittoria di Netta Barzilai con la canzone “Toy” nell'edizione precedente. 

Lazarev aveva partecipato anche all’Eurovision 2016, classificandosi al terzo posto (primo secondo le preferenze espresse dai telespettatori con il televoto).

La carriera artistica e il riconoscimento di Mike Bongiorno

Lazarev comincia la sua carriera artistica all'età di 10 anni cantando in una band dal nome “Lokteus children choir". A 13 anni vince il suo primo premio musicale in Italia, nella trasmissione “Bravo Bravissimo” condotta da Mike Bongiorno. È solo il primo di una lunga serie di successi. Poco dopo entra a far parte del gruppo "Figli di Neposedy" insieme al cugino Vlad Topalov. 

La nascita degli Smash!

Ed è proprio con Vlad Topalov che all’inizio degli anni Duemila fonda il duo pop russo Smash! (СМЭШ!). Il videoclip del singolo "Should Have Loved You More” conquista il podio del concorso musicale russo “New Wave”.

Nell’ottobre 2002 esce il primo singolo degli Smash!, “Belle”, che resta in cima alla classifica di MTV Russia per sei mesi. Il primo album di debutto arriverà l’anno successivo: “Freeway”. 

Nel 2004 il duo si scioglie: per Lazarev e Topalov inizia l’avventura da solisti, che porta il cantante sotto i riflettori di tutto il mondo all’Eurovision.

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie