Arte, così gli avanguardisti russi si cimentarono con l’Impressionismo

Forse non ci crederete, ma una volta anche Malevich dipingeva usando grosse pennellate. E non solo lui...

Aleksej Yavlensky – “Strada” (1905)

Gli artisti russi dell’Avanguardia hanno dato vita a ogni forma possibile di astrazione non perché non sapessero dipingere bene, così come potrebbe pensare qualcuno che ha poca familiarità con l’arte...
Olga Rozanova – “Fiori alla finestra” (1910)

Anche se hanno rinnegato le vecchie tradizioni artistiche, creando qualcosa di radicalmente nuovo, hanno comunque reso omaggio a ciò che è venuto prima di loro. La loro rivoluzione artistica infatti non sarebbe stata possibile senza il lungo percorso compiuto dalla storia dell’arte
Vladimir Tatlin – “Autunno” (1908-1909)

Gli Impressionisti francesi potrebbero apparire molto lontani dai disegni geometrici russi. Ma furono un trampolino di lancio per l’arte rivoluzionaria
Natalia Goncharova – “Lillà” (1906)

Gli Impressionisti francesi hanno avuto una grande influenza sull’arte russa del primo Novecento. Ci credete che questa natura morta, “Lillà”, è stata dipinta dalla stessa Natalia Goncharova che in seguito realizzò numerose composizioni cubiste?
David Burliuk – “Paesaggio estivo” (1910s)

E che dire di questo paesaggio in stile impressionista francese? Ci credete che si tratta di una delle prime opere del padre del futuro impressionismo russo, David Burliuk?
Kazimir Malevich – “Autoritratto” (1934) 

Malevich è di sicuro il pittore russo più misterioso, e non è un caso. Nel 1928 stava lavorando all’allestimento di una retrospettiva e si rese conto che alcuni dei suoi primi lavori impressionisti erano ancora esposti in una galleria di Berlino. Così, nonostante fossero passati 30 anni, Malevich dipinse nuove opere in stile impressionista, datandole con una data vecchia. Questo fatto è venuto alla luce solo alcuni decenni più tardi.
Mikhail Larionov – “Passeggiata” (1907-08)

Nello stesso anno il dipinto impressionista di Mikhail Larionov “Passeggiata” fu esposto per la prima volta nella Galleria Tretyakov
Pyotr Konchalovsky – “La casa a Belkino” (1907)

Molti artisti russi d’avanguardia scoprirono gli impressionisti francesi grazie al ricco collezionista d’arte Sergei Shchukin, che possedeva opere di Claude Monet, Edgar Degas, Auguste Renoir, Paul Cézanne e Paul Gauguin
Robert Falk – “Una donna piange sotto il ritratto di Cézanne” (1929)

Gli impavidi artisti russi hanno sperimentato varie forme e colori. L’impressionismo ha insegnato loro come superare lo stile accademico e sviluppare il proprio stile
Mikhail Sokolov – “Sul boulevard” (1930s)

Quando i futuri artisti dell’avanguardia finalmente impararono a creare solo attraverso l’utilizzo del colore, il passo successivo fu quello di rifarsi solo alle forme pure

Il Museo dell’Impressionismo russo ospita, dal 31 maggio al 19 settembre, la mostra “L’Impressionismo nelle Avanguardie”. Per maggiori informazioni, cliccate qui

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie