“Cold Front” e “Rag Union”: due film russi da non perdere

"Rag Union" di Mikhail Mestetskij

"Rag Union" di Mikhail Mestetskij

: kinopoisk.ru
La HBO ha acquistato i diritti di queste pellicole, che presto saranno trasmesse dal network. Uno sceneggiatore e un critico cinematografico esordiscono alla regia. Con successo

Il canale televisivo HBO Central Europe ha acquistato i diritti di due film russi: Rag Union di Mikhail Mestetskij e Kholodnyj Front / Cold Front di Roman Volobuev. Entrambi i film potrebbero essere definiti cinema d’autore, ma il critico cinematografico Anton Dolin ha definito Rag Union, “mainstream art”, il che significa che è un film mainstream, ma che ha poco in comune con i modelli abituali.

Rag Union (2015) è la storia dell’adolescente Vanja, che incontra giovani, teppisti, atleti e sognatori durante il suo lavoro estivo part-time. Si danno da soli il nome di “Rag Union” e vivono nella casa di campagna russa di Vanja. Poi un giorno, i giovani iniziano a covare piani per cambiare il mondo.

Rag Union ha un voto di 6,40 su IMDb, e potrete vederlo su HBO a settembre. È il primo lungometraggio del trentaseienne regista Mikhail Mestetskij, già noto nel mondo cinematografico russo come sceneggiatore. Ha anche vinto il premio Aquila d’oro per la migliore sceneggiatura dell’Accademia Nazionale Russa delle Arti Figurative e delle Scienze per Leggenda n. 17, un film sul grande giocatore di hockey sovietico, Valerij Kharlamov.

Kholodnyj Front / Cold Front (2015) è la versione russa di un dramma borghese europeo sulla riva della Manica, posto dove tre personaggi festeggiano la vigilia di Capodanno.

Il critico Mikhail Trofimenkov scrive: “Ilija, vivace come un cadavere, scrive un libro su libri non scritti. La sua fidanzata Sasha, una cagna, gira film uggiosi sul Sabba delle streghe o sulla fine dell’Unione Sovietica”.

Un giorno trovano uno strano mostro marino spiaggiato. Lo stesso giorno incontrano improvvisamente una ragazza russa, Masha, il cui comportamento risulta piuttosto strano.

Il regista Roman Volobuev era uno dei critici cinematografici più noti in Russia, e poi è passato a fare film in prima persona, invece di giudicare quelli degli altri. Cold Front ha un voto di 5,5 su IMDb, e la data di programmazione deve ancora essere confermata.

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale