I misteri irrisolti dei servizi sovietici

: RIA Novosti
Dal paranormale alle morti ancora oggi avvolte nel mistero. Ecco cosa potrebbero nascondere gli archivi non ancora svelati

Secondo la legge della Federazione Russa, le informazioni custodite negli archivi statali possono restare segrete per non più di 30 anni. E, nonostante lo storico Sergej Kudryashov di recente abbia dichiarato alla radio Eco di Mosca che non è prevista alcuna pena per chi rivela tali informazioni, molte agenzie preferiscono tenere chiusi i propri cassetti. Il Servizio federale di Sicurezza (FSB), nato dalle ceneri del KGB, ovviamente non fa eccezione. D’altronde sono molti i segreti di epoca sovietica che mantengono il proprio alone di mistero ancora oggi. Vediamo quali.

Il destino di Raoul Wallenberg

Alla fine della Seconda guerra mondiale, nel 1944-1945, il diplomatico svedese Raoul Wallenberg lavorava in Ungheria. Nel tentativo di salvare il maggior numero di vite umane consegnò il passaporto svedese a varie persone di origine ebraica, nascondendole poi all’interno di abitazioni prese in affitto dall’ambasciata del suo Paese. Il suo operato salvò dalla morte migliaia di persone.

Fonte: Getty ImagesFonte: Getty Images

Ma nel 1945, durante l’assedio di Budapest da parte dell’esercito rosso, Wallenberg ebbe un tragico incontro con i sovietici. In quell’occasione incontrò il maresciallo Rodion Malinovskij, incaricato di condurre l’offensiva su Budapest, e venne arrestato con l’accusa di spionaggio da alcuni membri della Smersh, il dipartimento di controspionaggio dell'Armata Rossa istituito nel 1943. Questa fu l’ultima volta in cui Wallenberg venne visto vivo.

Nel 1957 il ministro degli Esteri sovietico Andrej Gromyko consegnò all’ambasciatore svedese un documento in cui si attestava che Wallenberg, presumibilmente trattenuto nel carcere di Lubyanka, a Mosca, sarebbe morto nel 1947 a causa di un infarto. Si trattava della prima volta in cui l’Urss riconosceva che il diplomatico era stato a Mosca, nonostante le cause della sua scomparsa risultino poco chiare ancora oggi. Secondo fonti ufficiali, gli archivi degli interrogatori sarebbero spariti.

Sono in molti a dubitare della veridicità del documento consegnato da Gromyko e alcuni testimoni sarebbero pronti ad affermare che Wallenberg sarebbe stato ancora vivo negli anni Cinquanta e che sarebbe stato avvistato in un campo di lavoro forzato, dal quale alla fine sarebbe riuscito a scappare.

Il governo svedese ha dichiarato ufficialmente la sua morte nel 2016. Il 26 luglio la famiglia di Wallenberg ha presentato una richiesta all’Fsb nella quale chiedeva l’apertura degli archivi legati alla sua morte.

La morte di Beria

Lavrentyj Beria, capo della polizia segreta dell’Nkvd, fu direttore del programma nucleare sovietico tra il 1938 e il 1945. Dopo la morte di Stalin, nel 1953, Beria, famoso per la sanguinosa repressione, perse la lotta per il potere contro i leader sovietici come Malenkov e Nikita Krushchev. Ciò significò non solo la fine della sua carriera politica ma anche della sua vita.

Fonte: APFonte: AP

Accusato di essere stato assoldato come spia dal Regno Unito e di aver falsificato una gran quantità di casi criminali, venne condannato a morte il 23 dicembre 1953 e ucciso in quello stesso giorno. Questa, perlomeno, è la versione ufficiale dei fatti.

Tuttavia alcuni storici sono convinti che non ci sia stata alcuna sentenza e che i rivali di Beria avessero architettato questa versione per giustificare come legali le loro azioni.

Inoltre non è mai stato rivelato il luogo in cui Beria sarebbe stato condannato a morte e sepolto.

La morte di uno degli uomini di fiducia di Stalin continua a restare un mistero e anche gli uomini dei servizi segreti, gli unici che conoscevano la verità, non l’hanno mai rivelata.

Le inchieste sul paranormale

Al contrario dei servizi segreti di Hitler, che vantavano alcune unità speciali dedicate esclusivamente alle attività paranormali, l’intelligence sovietica era molto scettica nei confronti del misticismo. Le teorie soprannaturali erano considerate prive di fondamento e antimarxiste. Tuttavia non mancavano le eccezioni. Fra queste vi è la storia di Gleb Bokyj, un agente della Cheka, la polizia segreta sovietica, tra il 1921 e il 1934.

Gleb Bokyj. Fonte: Foto d'archivioGleb Bokyj. Fonte: Foto d'archivio

Egli non solo fu l’ideatore dei campi di lavoro forzato ma si interessò anche alle attività paranormali. Cercò anche di organizzare una spedizione in Tibet con l’oculista Aleksandr Barchenko alla ricerca del mitico territorio di Shambhala. Il governo dichiarò però che una simile spedizione non sarebbe stata altro che una terribile perdita di tempo e cancellò il viaggio. Sia Bokyj sia Barchenko vennero uccisi durante le grandi purghe alla fine degli anni Trenta.

Da allora l’Nkvd, il Kgb e altri servizi segreti sovietici negano qualsiasi tipo di coinvolgimento con il mondo paranormale. C’è invece chi sostiene il contrario, affermando che gli archivi siano pieni di informazioni relative agli alieni, ad antichi misteri e ad altre forme di vita soprannaturali.

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale