Dubl dv@: per due settimane il nuovo cinema russo gratis online

Ангелы революции

Ангелы революции

Kinopoisk.ru
Dal 3 al 14 aprile le migliori pellicole degli ultimi anni saranno disponibili su internet con i sottotitoli in inglese

Una scena del film "Angeli della rivoluzione" di Aleksej Fedorchenko. Fonte: KinopoiskUna scena del film "Angeli della rivoluzione" di Aleksej Fedorchenko. Fonte: Kinopoisk

I nuovi film russi gratis e online. Dal 3 al 14 aprile torna una nuova edizione del Festival online Dubl dv@  (Take Two), organizzato da Rossijskaja gazeta, che proporrà al pubblico una selezione delle pellicole russe più recenti e meno conosciute, visibili in tutti i paesi del mondo gratuitamente per 48 ore. Rbth ha selezionato le pellicole più interessanti che saranno disponibili con i sottotitoli in inglese.

“Korobka” (La scatola)

Una scena del film. Fonte: KinopoiskUna scena del film. Fonte: Kinopoisk

Vincitore di decine di premi internazionali, questo dramma giovanile di Eduard Bordukov di ambientazione sportiva racconta le vicende di un gruppo di ragazzi che si sfidano a calcio in un cortile e che lottano contro i pregiudizi etnici, a conferma dell’autenticità del motto che “Lo sport è uno strumento di pace”. Il film è stato girato in uno dei quartieri dormitorio di Mosca e riesce a restituire con efficacia l’atmosfera delle periferie desolate e grigie della capitale dove il campetto di football nel cortile, soprannominato dai giovani protagonisti la “scatola”, diventa l’unico spazio dove esprimere la propria energia giovanile e affermare il proprio carattere. Ma i cambiamenti irrompono anche in questo remoto angolo della città: nel quartiere fanno la loro comparsa dei ragazzi provenienti del Caucaso che rivendicano il loro diritto di giocare a calcio. La situazione si fa incandescente, e il campo da gioco si trasforma in un campo di battaglia.

“Angely revoljutsii” (Angeli della rivoluzione)

Una scena del film. Fonte: KinopoiskUna scena del film. Fonte: Kinopoisk

Il suggestivo apologo di Aleksej Fedorchenko è stato insignito a Roma del premio Marc’Aurelio del Futuro per aver saputo reinventare nuovi percorsi di narrazione cinematografica. Il film è ispirato a un caso vero e racconta il tentativo dei protagonisti venuti da fuori di impiantare una “nuova vita” tra i popoli indigeni della Siberia. Gli aborigeni, dopo essersi consultati coi loro spiriti, decidono alla fine di uccidere i forestieri.

“Trjapichnyj sojuz” (Un’associazione di smidollati)

Una scena del film. Fonte: KinopoiskUna scena del film. Fonte: Kinopoisk

Il film d’esordio del drammaturgo Mikhail Mestetskij è una parabola eccentrica sulla vita di un gruppo di hippy sovietici che si ribellano al mondo che li circonda rifiutando il servizio di leva e affermando uno stile alternativo di vita. Il regista ammette la dimensione autobiografica dell’opera che è ispirata ai ricordi degli errori di una giovinezza arrabbiata quando i ragazzi si riunivano in “associazioni segrete” in nome degli slogan più surreali e fantastici a patto che si differenziassero da quelli officiali. Il film ha debuttato al Festival internazionale del Cinema di Berlino dove ha fatto il pienone nelle sale, scioccando gli spettatori.

“In viaggio da mia madre”

Una scena del film. Fonte: KinopoiskUna scena del film. Fonte: Kinopoisk

“Dorozhnaja” (In viaggio) è un dramma esistenziale di Mikhail Kosyrev-Nesterov, interpretato dalla star francese Adèle Exarchopoulos (protagonista della “Vita di Adèle”) e da Artem Alekseev, attore del teatro Sovremennik di Mosca, al suo debutto nel cinema. Un giovane moscovita va in Provenza a trovare la madre che ha abbandonato da molto tempo la famiglia in Russia, e lì incontra la sua sorellastra. Il viaggio si rivela un faticoso percorso esistenziale alla ricerca di se stessi. Il film ha ottenuto numerosi riconoscimenti internazionali e in marzo ha concorso per il primo premio al Festival del Cinema di Torino.

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale