Innovazione: premiata l’arte contemporanea

Il museo Pushkin di Mosca dove si è svolta la cerimonia di assegnazione del premio "Innovazione".

Il museo Pushkin di Mosca dove si è svolta la cerimonia di assegnazione del premio "Innovazione".

: ufficio stampa
Dall’eredità sovietica al tema dell’identità nazionale: ecco chi sono gli artisti e i curatori russi insigniti del prestigioso riconoscimento

Riflettori accesi sull’arte contemporanea. Il 18 maggio a Mosca si è tenuta la cerimonia di assegnazione di "Innovazione", l'unico premio statale in Russia nel campo dell'arte contemporanea. Il premio, istituito dal Centro Nazionale per le Arti Contemporanee NCCA, viene assegnato ad artisti e curatori per i progetti realizzati nel 2015.

Quest'anno hanno deciso di non consegnare il premio per la nomination principale "Opera d'arte visiva". Ciò è dovuto allo scandalo avvenuto nella primavera del 2016, quando durante una riunione della giuria del premio alcuni esperti del comitato hanno abbandonato i lavori perché l'NCCA aveva rifiutato la domanda di partecipazione dell'artista e azionista Petr Pavlenskij alla nomination con la sua opera “Ugroza”. Il 9 novembre 2015, nel corso della creazione di “Ugroza”, l'artista aveva incendiato la porta dei Servizi federali russi per la sicurezza in piazza Lubyanka a Mosca ed era stato arrestato. Il processo nei suoi confronti non si è ancora concluso.

Gli altri premi assegnati:

"Progetto curatoriale”, Viktor Misiano

Per gentile concessione di NCCA
Per gentile concessione di NCCA
Per gentile concessione di NCCA
 
1/3
 

Misiano è uno dei più famosi curatori russi in Occidente. Vive con la sua famiglia perlopiù in Italia e allestisce tante mostre in musei d'Europa e Asia. Nel 2015 ha lanciato un nuovo grande progetto in Russia, "Il destino dell'uomo", che durerà fino al 2018. La prima mostra del progetto (per il quale ha ricevuto il premio) e i convegni si sono svolti negli spazi dell'NCCA, raccogliendo un bacino impressionante di artisti internazionali, tra cui Elisabetta Di Maggio, Alexandre Joly e Christiane Löhr.

"Progetto regionale di arte contemporanea”, 3° Biennale industriale di arte contemporanea degli Urali

 
1/0
 

Si tratta probabilmente del più importante progetto artistico della Russia al di fuori delle due capitali Mosca e San Pietroburgo.

Il Commissario della Biennale e direttrice dell'NCCA a Ekaterinburg, Alisa Prudnikova, ha fatto l'impossibile: ha unito le autorità locali e la rete di aziende per attirare l'attenzione non solo verso l'arte contemporanea, ma anche verso il patrimonio dell'architettura del Costruttivismo, conservato in molti luoghi degli Urali, e verso la rinascita della memoria nei confronti del passato sovietico di questa regione industriale.

Inoltre, questa Biennale è diventata veramente internazionale: lo scorso anno ha ospitato 80 artisti provenienti da 20 Paesi. Tra i curatori, sono venuti Li Zhenhua dalla Cina e Biljana Ciric dalla Serbia.

"New Generation”, Aslan Gaisumov

Volga (screenshot)Aslan GaisumovVolga (screenshot)
Volga (screenshot)Aslan GaisumovVolga (screenshot)
 
1/2
 

Il 25enne ceceno Aslan Gaisumov è un artista che ha già fatto la sua comparsa in diverse grandi mostre in Russia e Ucraina. È stato nominato per il Premio Kandinskij a Mosca e il Future Generation Art Prize del Pinchuk Art Centre di Kiev.

I suoi lavori trattano il tema dell'identità nazionale. Nel video "Volga", per il quale ha ricevuto il premio, ha ricostruito la storia della propria famiglia. Nel 1995, dalla città di Groznij in guerra, la famiglia di 21 persone decise di trasferirsi con una vecchia "Volga" in un villaggio di montagna dalla nonna dell'artista. Per questa ed altre opere Gaisumov è stato anche insignito del premio speciale di Stella Art Foundation di Stella Kesaeva, ex commissario del Padiglione Russia alla Biennale di Venezia negli ultimi 6 anni.

"Per il contributo creativo nello sviluppo dell'arte contemporanea”, Boris Orlov

Boris Orlov. Fonte: ufficio stampa

Boris Orlov, decostruttore dell'arte sovietica e classico vivente della Sots-Art, è ben noto in tutto il mondo. Le sue sculture, sia quelle ironiche sul tema dell'eredità sovietica, sia quelle pseudo-classiche, sono state esposte in molti musei del mondo, dal Guggenheim di New York al Kunsthistorisches di Vienna.

"Per il sostegno all'arte contemporanea russa”, Leonid Mikhelson

Leonid Mikhelson. Fonte: Valerij Sharifulin/Tass

Il miliardario russo e fondatore della società di gas "Novatek" è noto come appassionato collezionista d'arte, non solo di quella interessante su cui investire, come l'arte degli impressionisti, ma anche quella dei contemporanei.

La maggior parte della sua collezione si trova al di fuori della Russia. A Mosca è operativa la V-A C-Foundation, che realizza progetti artistici in tutto il mondo e ora ha invitato l'architetto italiano Renzo Piano per la ristrutturazione di un edificio appartenente alla fondazione, quello di una ex centrale idroelettrica.

Scopri di più: Mikhelson, il re dei paperoni russi

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta