Cinque modi per dirle ti amo

Una scena del film "L'ironia del destino, oppure Buona sauna!".

Una scena del film "L'ironia del destino, oppure Buona sauna!".

: Kinopoisk.ru
Vi siete innamorati di una ragazza russa ma non avete il coraggio di confessarglielo. Prendete spunto dai film sovietici, che in fatto di cuore potrebbero avere molto da insegnare... Purché presi con ironia

È bella, intelligente, interessante. Ma non sapete come fare per dichiararle il vostro amore. Esprimere i propri sentimenti talvolta può risultare un’impresa più difficile del previsto. Partendo dai film sovietici, vi diamo qualche suggerimento per prendere l’iniziativa. 

1 La prima cosa da fare è dirle che l’amore ha cambiato la vostra vita

- Le sono così grato di aver cambiato la mia vita radicalmente e che il destino mi abbia condotto a Leningrado. Non avrei mai potuto essere felice diversamente! (Я вам так благодарен, что вы круто изменили мою жизнь, и что судьба забросила меня в Ленинград. Иначе я никогда не был бы счастлив.)

2 Il successo della vostra dichiarazione aumenterà con una canzone 

 - Capiscimi, tesoro mio! Credimi, tesoro, sei il mio idolo! Non ti abbandonerò! (Поймите, милая! Поверьте, милая, вы мой кумир! Я не покину вас!)

3 Esprimere i propri sentimenti attraverso una poesia è sempre una buona idea

 - Oh Dio mio! Appena posso muovere i miei piedi sul cammino della vita. (О, Господи! По жизненной дороге с усилием передвигаю ноги!)

 - Lo hai detto a un medico? (Вы говорили об этом врачу?)

 - No, è una poesia! (Нет, это стихи!)

4 Le parole devono venire direttamente dal cuore

 - La adoriamo. La amiamo profondamente dal fondo della nostra anima, dal posto più profondo (Мы в вас души не чаем. Мы вас любим в глубине души, где-то очень глубоко.)

5 L’amore è un gioco. Fingete sicurezza e lasciate intendere di essere molto occupati

- Non ho tempo per i corteggiamenti. Lei è attraente e io sono molto attraente. Perché perdere tempo? (Мне ухаживать некогда. Вы привлекательны, я чертовски привлекателен! Чего зря время терять?)

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta