Un anno di arte

Grande testa di Stefan Balkenhol

Grande testa di Stefan Balkenhol

: Ufficio stampa
Pittura, scultura e installazioni. Il meglio delle esposizioni artistiche che animeranno i musei e le gallerie di Mosca e San Pietroburgo nei prossimi mesi

Léon Bakst. 1866-1924

Fonte: Léon Bakst

Oltre 150 opere provenienti dal Museo Russo saranno esposte nella retrospettiva dedicata al 150esimo anniversario di Léon Bakst, pittore, scenografo e illustratore. L’artista è diventato famoso soprattutto grazie alle scenografie realizzate per i Balletti Russi di Dyaghilev. I bozzetti delle scenografie e dei costumi utilizzati sul palcoscenico compongono buona parte dell’esposizione.

Museo Russo, San Pietroburgo. Dal 24 febbraio a maggio 2016

www.rusmuseum.ru

Tony Cragg. Sculture e disegni

Clear Glass Stack. Fonte: Tony Cragg Studio, Fondazione Berengo

Dieci anni dopo la grande esposizione di Mosca, lo scultore britannico Tony Cragg, vincitore del premio Turner, torna nuovamente in Russia. A uno dei più vivaci rappresentanti del nuovo movimento inglese di scultura sarà dedicata un’intera retrospettiva nel Palazzo dello Stato maggiore di San Pietroburgo, uno spazio dell’Ermitage recentemente ristrutturato e destinato all’arte moderna. La mostra presenterà anche le sue figure astratte con profili umani, famose in tutto il mondo.

Museo dell’Ermitage, San Pietroburgo. Dal 1o marzo al 15 maggio 2016

www.hermitagemuseum.org

La famiglia Cranach. Tra Rinascimento e Manierismo

Vergine con bambino di Lucas Cranach. Fonte: ufficio stampa

Due geni del Rinascimento, Lucas Cranach padre e Lucas Cranach figlio, non sono mai stati esposti insieme in Russia. Questo è il primo tentativo di mettere insieme le loro opere all’interno di una mostra che presenterà quadri, disegni e incisioni su legno provenienti da musei e collezioni private da Germania, Spagna e Ungheria. La mostra verrà allestita in un primo momento a Mosca e poi verrà presentata a San Pietroburgo, nelle sale dell’Ermitage.

Museo statale Pushkin, Mosca. Dal 4 marzo al 15 maggio 2016

www.arts-museum.ru

Geliy Korzhev. “…I have the right"

Un pittore di Geliy Korzhev. Fonte: Galleria Tretyakov

Era da tanto tempo che la direttrice della galleria Tretyakov di Mosca, Zelfira Tregulova, voleva dedicare una mostra a uno dei principali pittori del realismo socialista. Le opere del “grande maestro” Geliy Korzhev, così come lo ha definito la Tregulova, saranno esposte in tutta la loro straordinaria varietà: dai soggetti eroici-patriottici alle tematiche degli anni Cinquanta del Novecento, fino ai lavori più surrealisti degli anni Novanta.

Galleria Tretyakov, Mosca. Dal 18 marzo al 14 giugno 2016

www.tretyakovgallery.ru

Quinta Biennale di Arte Giovane a Mosca

Questo grande progetto, che unisce ragazzi under 35 provenienti da tutto il mondo, è curato dal britannico Nadim Samman. Ed è stato proprio lui l’ideatore del tema principale della mostra: Deep Inside. L’esposizione sarà divisa in due parti: una prima parte verrà allestita all’interno della Trekhgornaya Manufactura, un ex fabbrica del XIX secolo, mentre la seconda parte troverà spazio nel Museo di Arte contemporanea nel vicolo Ermolaevskij.

Mosca, dal 29 gennaio al 14 agosto 2016

www.youngart.ru

Ivan Ajvazovsky

Ivan Ajvazovsky. Fonte: Galleria Tretyakov

La Galleria Tretyakov si prepara a ospitare una mostra dedicata all’anniversario del pittore Ivan Ajvazovskij, famoso per i suoi paesaggi marini. Il 29 luglio ricorrono infatti duecento anni dalla sua nascita. L’esposizione raccoglierà i suoi lavori più importanti, come “Raduga” (Arcoboleno) e “Devyatyj val” (La nona onda). Per la prima volta, poi, il pubblico riuscirà ad ammirare il quadro “U beregov Kavkasa” (Sulle cose del Caucaso), dai magazzini della Galleria.

Galleria Tretyakov. Mosca. Dal 29 luglio al 20 novembre 2016

www.tretyakovgallery.ru

Stefan Balkenkhol

Grande testa di Stefan Balkenhol. Fonte: ufficio stampa

È veramente difficile immaginare le città europee senza i suoi progetti urbanistici. Ed era da tre anni che a Mosca si attendeva un’esposizione a lui dedicata. La mostra raccoglie sia sculture e rilievi realizzati negli ultimi quindici anni di carriera dell’artista, sia opere che hanno preso ispirazione dalla stessa capitale russa.

Museo di Arte contemporanea di Mosca. Dal 12 settembre al 13 novembre 2016

www.mmoma.ru

Witnessing Time

Credit: Robert Longo. Fonte: ufficio stampa

Il nuovo museo di arte contemporanea di Mosca, aperto nel 2015 da Dasha Zhukova, fidanzata del miliardario russo Roman Abramovich, si prepara a ospitare una mostra che riunirà i disegni dell’artista americano e scultore Robert Longo, realizzati nel pieno rispetto dello stile del fotorealismo, così come gli schizzi e i film di Sergej Ezenshtein e i disegni apocalittici di Francisco Goya.

Museo d’arte contemporanea Garage, Mosca. Dal 30 settembre 2016 al 22 gennaio del 2017

www.garagemca.org

La casa di haute couture del periodo dell’Art deco. Dalla collezione dell’Istituto dei costumi di Kyoto 

Robe Lanvin, 1921-25. Fonte: The Kyoto Costume Institute

Uno dei musei più prestigiosi di questo genere, l’Istituto dei costumi di Kyoto, che possiede la più grande collezione di modelli di vestiti e di accessori di tutto il mondo, presenterà per la prima volta una sua mostra al Cremlino. Una quarantina di abiti femminili degli anni Venti e Trenta verrà esposta a Mosca e comprenderà i modelli realizzati dalle leggendarie case Lanvin, Poiret e Chanel, oltre che  i gioielli vintage di Cartier e Van Cleef.

Museo del Cremlino di Mosca. Dal 29 settembre 2016 all’11 gennaio 2017

www.kreml.ru

Roma Aeterna. I capolavori della Pinacoteca Vaticana

Caravaggio. Fonte: ufficio stampa

La mostra promette di essere un evento sensazionale non solo per gli artisti che verranno esposti, ma soprattutto per quei capolavori che solo di rado lasciano il Vaticano. L’esposizione comprenderà opere di Raffaello e Caravaggio, Giovanni Bellini, Guercino, Pietro Perugino, Guido Reni e Niccolò Pussino.  

Galleria Tretyakov, Mosca. Da ottobre 2016 al 15 gennaio 2017

www.tretyakovgallery.ru

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta

Leggi di più