La pietra del sole illumina mani e décolleté

Una creazione firmata Mineral Weather.

Una creazione firmata Mineral Weather.

Ufficio stampa
Collane, anelli e braccialetti. L’ambra rinasce grazie ai lavori dei giovani designer russi, riuniti sotto l’organizzazione Russian Amber. Rbth ha selezionato i brand più interessanti

L’organizzazione Russian Amber riunisce giovani designer, artisti e fotografi russi che lavorano con l’ambra. L’obiettivo del progetto è riportare la pietra alla sua antica popolarità. E dimostrare che attraverso l’ambra si possono ottenere vere e proprie opere d'arte. Rbth ha selezionato i cinque designer più interessanti che lavorano con la "pietra del sole".

Mineral Weather

I designer Aleksandr Olkhovskij e Anna Pavlova amano coniugare minerali naturali, oggetti antichi e soggetti animali, cercando di mantenere la pietra il più naturale possibile, senza alterarne la forma. Durante la creazione di un nuovo gioiello, i due si ispirano a oggetti che hanno visto, ad esempio, in un mercatino delle pulci, incorporando a volte anche elementi storici. 

Fonte: Ufficio stampa

Mossi dal desiderio di trasmettere la bellezza naturale dell’ambra, i due creativi di Mineral Weather cercano di presentare nei loro lavori le diverse sfumature della pietra - dal miele chiaro al marrone scuro - combinandola con altri minerali. Aleksandr e Anna amano in particolare la combinazione dell’ambra con l’ametista. Le loro creazioni uniche sono in vendita negli showroom di Mosca e San Pietroburgo e sono esposte nell’ambito del salone BIJORKA di Parigi a partire dal 2014.

Kao Lin

Fonte: Ufficio stampa

Dietro il marchio Kao Lin si celano la scultrice e ceramista Aleksandra Petrova e il maestro della lavorazione del legno Nikifor Ignatenko. I due, insieme, realizzano gioielli utilizzando materiali che non sono molto comuni nell’arte della gioielleria, come la porcellana e alcuni legni pregiati, quali il rovere o il ginepro.

Fonte: Ufficio stampa

Dopo essere rimasti impressionati dalle ingenti riserve di ambra che vanta la regione di Kaliningrad (le più grandi a livello mondiale) i designer di Kao Lin hanno iniziato a utilizzare attivamente questa pietra nei loro lavori. I due sono riusciti a combinare l’ambra con il vetro e il legno in maniera abile e delicata nei loro gioielli. Nikifor e Aleksandra sostengono che "giacché l’ambra viene dal legno, a esso deve ritornare".

Feminatura

Fonte: Ufficio stampa

Il brand, fondato nel 2014 dalla scenarista e collezionista Katia Artemeva, realizza eco-gioielli utilizzando pietre naturali e leghe metalliche ipoallergeniche, combinando materiali organici e naturali con forme geometriche. Fonte d’ispirazione per la designer sono state due donne a lei molto care: la madre e la nonna.

Fonte: Ufficio stampa

Da loro Katia ha appreso un atteggiamento attento nei confronti di tutto ciò che viene creato dalla natura, compresa l’ambra. "L'ambra è un materiale incredibilmente vario e fertile: dà spazio alla creatività e la si può naturalmente mescolare con qualsiasi metallo e stile. L’importante è scegliere la lavorazione giusta”, spiega Katia.

Oks Box

Fonte: Ufficio stampa

Il marchio è stato creato da tre architette, Oksana Veselova, Viktoria Kachurovskaya e Aleksandra Bronnikova. Nei loro lavori le tre ragazze cercano di dimostrare che le proporzioni architettoniche esatte e gli elementi decorativi imponenti risultano altrettanto interessanti anche nella realizzazione di piccoli oggetti e forme. Parlando dei loro ultimi lavori con l’ambra, le designer sostengono che, grazie a questa pietra, le costruzioni metalliche acquistano leggerezza e femminilità.

Liza Zhitskaya

Fonte: Ufficio stampa

La fondatrice del marchio, Liza Zhitskaya, aveva inizialmente studiato per diventare designer di scarpe e accessori. Poi ha seguito un corso sulla lavorazione dell'argento. A detta della designer, "una volta mi è venuta voglia di realizzare un gioiello, il processo è stato rapido, e da lì non c'è più stato modo di tornare indietro". Ogni oggetto realizzato da Liza è unico: la ragazza non realizza degli schizzi preparatori, improvvisa direttamente durante la realizzazione dei gioielli.

Fonte: Ufficio stampa

Liza non ha paura di combinare l’ambra con pietre di altri colori, come il rosa e il verde della tormalina, di modo che la pietra abbia di volta in volta un aspetto inaspettato. I suoi gioielli combinano pietre lavorate e non lavorate. La designer, grazie all’organizzazione Russian Amber, è riuscita a rendersi conto che l'ambra non è solo la "collana della nonna" ma che con essa si possono realizzare gioielli completamente nuovi e attuali.

Per maggiori informazioni: www.russian-amber.ru

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta

Leggi di più