Festival Double dv@: la maratona di film online torna a diffondere il grande cinema

Lo scopo del festival è quello di diffondere film russi di qualità che non hanno avuto sufficiente visibilità nelle sale (Foto: Sergei Mikeev/RG)

Lo scopo del festival è quello di diffondere film russi di qualità che non hanno avuto sufficiente visibilità nelle sale (Foto: Sergei Mikeev/RG)

Dal 6 al 20 aprile sul sito di Rossiyskaya Gazeta si potranno seguire le proiezioni delle migliori pellicole dell'est, più o meno conosciute al grande pubblico, realizzate negli ultimi anni

Torna una nuova edizione del Festival cinematografico on line Double dv@. Il sito del quotidiano russo Rossiyskaya Gazeta servirà da piattaforma per l’evento, che si svolgerà dal 6 al 20 aprile 2015. 

 
Tv, il cartone russo “Masha e l’Orso"
vince il premio come
miglior serie di animazione

Double dv@ (d2.rg.ru) proporrà agli spettatori una rassegna di film, tra cui pellicole in concorso e fuori concorso. La maggior parte dei film saranno sottotitolati in inglese. 

Secondo gli organizzatori, lo scopo del festival è quello di diffondere film russi di qualità che non hanno avuto sufficiente visibilità nelle sale. Ogni film potrà essere visto durante le 48 ore successive alla sua prima presentazione online. 

Il programma del concorso comprenderà sia pellicole prodotte negli anni scorsi, che non hanno trovato spazio nella distribuzione al grande pubblico (“Tupoj zhirnyj zayats” di Slava Ross, “Elizium” di Andrej Eshpaj, “Shakhta” di Nurbek Egen), sia lavori che hanno vinto festival internazionali, rimasti però sconosciuti, come “Sobachij raj" di Anna Chernakova, “Klass korrektsii” di Ivan Tverdovskij, “Kak menya zovut” di Nigina Sajfullaeva e “Durak” di Yuri Bykov. 

Gli spettatori non solo avranno la possibilità di guardare i film online, ma potranno anche votare la propria pellicola preferita. 

Il programma comprende anche un festival di film documentari, “Memoria”, che presenterà i film “Obyknovennyj fashism” di Mikhail Romm e “Protsess” di Aleksandr Zeldovich.

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta