La nuova stagione del Bolshoj

Foto: Photoshot/Vostock-Photo

Foto: Photoshot/Vostock-Photo

Dopo l'anno degli scandali, il teatro più celebre della Russia riparte con una nuova programmazione. Unendo innovazione e tradizione

Dopo una serie di scandali di alto profilo scoppiati presso il Teatro Bolshoj - e il conseguente cambio della leadership - gli appassionati dell’opera e del balletto si sono chiesti quale direzione avrebbe preso il teatro. Questo è il motivo per cui tutte le notizie riguardanti le anteprime della stagione sono state molto attese dagli appassionati e dagli addetti ai lavori. 

Le anteprime dell’Opera

Il repertorio operistico della nuova stagione include il Rigoletto di Verdi, La dama di picche di Tchaikovsky, Le nozze di Figaro di Mozart e la Carmen di Georges Bizet, così come l'opera per bambini di Sergei Banevich intitolata La storia di Kai e Gerda. Si potrebbe essere portati a pensare che cinque produzioni operistiche complete rappresentino un serio impegno per il nuovo direttore Urin e il nuovo direttore musicale Sokhiev, entrambi nominati di recente. Ma due di queste opere sono già state messe in scena. Il regista pietroburghese Lev Dodin dirigerà La dama di picche, che aveva già presentato anche a Parigi nel 1999. Si tratta di un’opera molto nota e in questo caso verrà rappresentata in una versione aggiornata. Il Rigoletto sarà diretto dal regista canadese Robert Carsen, che lo aveva presentato lo scorso anno al Festival d'Aix-en-Provence.

 
Le bombe non fermarono il Bolshoj

I registi che sono stati invitati a mettere in scena le altre opere hanno alle spalle un background drammatico, non operistico, il che rende l’operazione molto più rischiosa. C'è infatti la possibilità che saranno più simili a drammi che a opere. Le nozze di Figaro nel programma del teatro dedicato ai giovani sarà diretta da Evgenij Pisarev. Il programma per i giovani è di per sé degno di una menzione speciale. Si tratta di una sorta di piattaforma sociale per i giovani performer che arrivano qui da tutto il paese nell’ambito della quale vengono organizzate audizioni e viene data loro la possibilità di cimentarsi sul grande palco. Carmen sarà allestita dal direttore del Teatro della gioventù russa Alexei Borodin, con il quale l’attuale direttore del Bolshoj Vladimir Urin ha lavorato negli anni Settanta per sette anni al teatro per bambini di Kirov. La storia di Kai e Gerda verrà messa in scena da un giovane regista di nome Dmitry Belyanushkin. Sembra naturale, in realtà, che quest’opera per bambini sia stata riservata a un giovane regista. Urin ha ammesso apertamente che è difficile dar vita alla stagione ideale in soli dieci mesi. "Mettere insieme i piani per la nuova stagione così velocemente in un lasso di tempo così breve è stato molto difficile. Sì, probabilmente, abbiamo dovuto raggiungere qualche compromesso ... ", promettendo che “i piani a lungo termine saranno migliori".

Le anteprime del balletto

Sul fronte del balletto, sono state annunciate solo tre anteprime. Ci sarà l’anteprima mondiale di Amleto (presumibilmente con la musica tratta da sinfonie di Dmitri Shostakovich), Un eroe del nostro tempo musicato da Ilya Demutsky e La vecchia leggenda dell’amore, che è già diventato un classico, con la coreografia di Yuri Grigorovich, messo in scena per la prima volta al Bolshoj nel 1965. La Leggenda è musicata da Arif Melikhov e basata su un dramma del poeta comunista turco Nazim Hikmet - una formula infallibile per il successo. Si tratta di un vero e sperimentato, classico esempio di coreografia sovietica.

 
Per voi nel nuovo Bolshoj

Il regista inglese Declan Donnellan è stato invitato a dirigere l’Amleto e il coreografo sarà Radu Poklitaru (che si è anche occupato della coreografia della cerimonia dei Giochi Olimpici del 2014 di Sochi). Lui e Declan Donnellan avevano già messo in scena al Bolshoj Romeo e Giulietta di Sergei Prokofiev. I discendenti di Prokofiev, tuttavia, non sono contenti del lavoro del coreografo e non è certo che gli daranno il permesso di utilizzare la musica di questo compositore per eventuali ulteriori performance. Non sono rimasti contenti del balletto Cenerentola, dove la Cenerentola di Poklitaru balla in un bordello.

I discendenti del compositore, inoltre, hanno insistito sul fatto che né il loro famoso antenato, né Charles Perrault avrebbero approvato quella coreografia. Ora il duo stella Donnellan - Pokletaru ha iniziato a lavorare su un altro classico della musica sovietica, Dmitri Shostakovich, e sta conducendo delle trattative con i suoi discendenti. I critici rimangono scettici sul fatto che verrà raggiunto un accordo, ma Vladimir Urin è sicuro che ci riusciranno. L'altro balletto, Un eroe del nostro tempo, si basa su tre capitoli del libro omonimo scritto dal grande poeta russo Mikhail Lermontov: Bela, Taman e la principessa Mary. Il regista Kirill Serebrennikov, direttore artistico del teatro progressista Gogol Center, è stato invitato a mettere in scena il balletto. Serebrennikov aveva già messo in scena presso il Bolshoj nel 2011 l'opera Il gallo d'oro di Rimskij-Korsakov. La sua direzione ha provocato uno scandalo perché ha trasformato questa classica fiaba per bambini in una satira spietata per adulti, ambientandola in tempi moderni. Sia l’Amleto che Un eroe sono in qualche misura dei punti interrogativi perché il teatro sta sperimentando con queste opere e il risultato è tutt'altro che certo.

Il Tour

Purtroppo, il Teatro Bolshoj non ha intenzione di promuovere tour in Russia per la prossima stagione. Il teatro è sempre stato e continuerà a essere un marchio promosso a livello internazionale. È molto richiesto nei più prestigiosi teatri del mondo. Vladimir Urin ha fatto vaghe promesse di tour futuri in tutto il paese, ma la priorità è l'estero con gli Stati Uniti come prima tappa. Il 18 maggio, la compagnia del balletto si recherà a Washington con il balletto Giselle. Mentre la compagnia dell’opera del Bolshoj si esibirà nella Sposa dello Zar diretta da Gennady Rozhdestvensky il 12 e il 13 giugno. E il balletto del Bolshoj porterà in scena il Lago dei Cigni, il Don Chisciotte e Spartacus a New York dal 15 luglio al 1° agosto. In autunno la compagnia del balletto si recherà in Giappone, dove metterà in scena il Lago dei Cigni, il Don Chisciotte e La Bayadere a Tokyo e in altre cinque città dal 20 novembre al 7 dicembre. Le compagnie del balletto e dell’opera saranno inoltre all'Hong Kong Arts Festival alla fine di marzo 2015. Dove metteranno in scena l’opera La Sposa dello zar e i balletti Le fiamme di Parigi e I gioielli. E nel luglio 2015 saranno in tour in Brasile con due balletti (Spartacus e un altro ancora da definire).

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta