Se viaggiare diventa "chic"

Bronzi giapponesi in mostra al Museo statale di Storia di Mosca (Foto: ufficio stampa)

Bronzi giapponesi in mostra al Museo statale di Storia di Mosca (Foto: ufficio stampa)

Mostre, concerti, rassegne cinematografiche e un'esposizione che racconta il turismo nel XVII secolo. Il meglio degli eventi culturali della Federazione nelle proposte di Russia Oggi

Arazzi francesi, un viaggio cinematografico attraverso la Russia e la musica sperimentale di Blixa Bargeld. E una mostra per raccontare le evoluzioni del viaggio all'interno della Federazione.

12 marzo

La mostra “Bronzi giapponesi del periodo Meiji” verrà inaugurata al Museo statale di Storia di Mosca. L’esposizione vuole mostrare al pubblico alcuni pezzi appartenenti a collezioni private e piccoli capolavori rappresentanti animali, realizzati in bronzo alla fine del XIX secolo, inizio XX secolo. In Russia la tradizione di collezionare sculture giapponesi in bronzo è iniziata alla fine del XIX secolo, in particolar modo grazie alle attività di alcuni collezionisti come Brokkar e Kharitonenko. 

I pezzi esposti al Museo statale di storia vengono mostrati al pubblico per la prima volta.

14 marzo

Al Museo statale delle Belle Arti A.S. Pushkin di Mosca s’inaugurerà una mostra dedicata agli arazzi francesi dal titolo “Il secolo galante”, nella quale saranno esposti circa 60 opere di  Delaunay, Duclos, Aveline, Desmarteu, e altri. La mostra, ispirata alle atmosfere del XVIII secolo, il “secolo galante”, si focalizza su una serie di temi: i parchi, i teatri, i salotti e i boulevard. Il XVIII secolo fu l’epoca del rococò (parola derivata dal francese rocaille) con il suo stile lieve ed elegante di cui la conchiglia divenne il simbolo e il carattere decorativo e bizzarro delle forme che si diffusero all’epoca di Luigi XV; un tempo in cui si prediligeva lo stile galante anche nella quotidianità e di cui gli arazzi francesi sono una testimonianza con i loro voli in altalena, le passeggiate notturne nei parchi, i giri vorticosi di valzer e i convegni segreti.

Uno dei pezzi in mostra (Foto: ufficio stampa)

14 marzo

Al Museo di Arte decorativa e popolare di Mosca s’inaugurerà la mostra “Viaggiando in modo più o meno chic”. A raccontare le abitudini di viaggio di aristocratici e persone comuni saranno i materiali esposti, dai lussuosi bauli alle semplici sporte di rete, dalle scatole raffinate a quelle di corteccia di betulla  intrecciata, dai completi da viaggio alle logore finanziere. Nei secoli XVII-XIX gli oggetti scelti per il viaggio erano completamente diversi dagli attuali. Un conte, partendo, portò, per esempio, con sé 500 volumi, una grande tela che raffigurava la crocifissione di Cristo e un busto di Alessandro I.

Abiti d'epoca (Foto: ufficio stampa)

Oltre agli accessori antichi, alla mostra si potrà anche ammirare la collezione di borse da viaggio e valigie raccolta dall’artista e designer d’avanguardia Aleksandr Petljura. Le sue prime collezioni Petljura le ha messe insieme un po’ per volta, girando per i mercatini delle pulci a caccia degli accessori giusti e procurandosi da vecchiette pantofole d’antan e borsette consunte.

14 marzo 

Al club “Teatr” di Mosca si terrà il concerto di Blixa Bargeld, star tedesca della musica sperimentale. Fondatore del gruppo Einstürzende Neubauten, una delle band più rappresentative del genere industrial, lo scorso anno ha dato vita a un progetto artistico di musica d’avanguardia in collaborazione con Teho Teardo, che  si esibirà insieme a lui a Mosca. Il duo eseguirà brani del recente album “Just smiling”.

16 marzo 

A Mosca parte il progetto “In viaggio per la Russia”. In cinque sale cinematografiche della capitale (“Fakel”, Zvezda”, “Saturn”, “Sputnik”, “Krugovaja panorama”) verrà proiettato un ciclo di documentari sui luoghi più esotici dell’immensa terra russa: gli irti pendii dell’Altaj, la caccia alla foca in Chukotka, i riti sciamanici della Repubblica Buriata.

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta