La rivoluzione che non muore

A Cuba è stato realizzato un intero parco intitolato a Lenin (Foto: AP)

A Cuba è stato realizzato un intero parco intitolato a Lenin (Foto: AP)

Lenin è un'icona. Un simbolo utilizzato in tutti i settori dell'arte e del costume della contemporaneità. Dal cinema in giù

Novanta anni dopo la morte di Vladimir Lenin, ci sono ancora in tutto il mondo vari tipi di monumenti a lui dedicati, mentre continuano a comparire nuove opere d'arte che lo raffigurano. E il leader della Rivoluzione non ha mai smesso di essere un "oggetto cinematografico".

Da Cuba all’Antartide

Quando l'impero comunista è crollato, molti paesi hanno cercato di dimenticare il loro passato comunista il più rapidamente possibile. Anche se molte sculture del "leader proletario" sono state distrutte o rimosse, in tutto il mondo ci sono ancora circa 6.000 monumenti dedicati a Lenin. Cuba, che abbraccia ancora l'ideologia comunista, ha un intero parco intitolato a Lenin. Creato a L'Avana come luogo per le attività ricreative all’aperto del proletariato cubano, nel parco è presente una statua in marmo di Lenin alta 30 metri. In Russia, uno dei monumenti meno convenzionali dedicati a Lenin si trova nella città degli Urali di Chelyabinsk. La costruzione della struttura simile a quella di un mausoleo, che comprende delle colonne, un balcone e un busto in bronzo del leader bolscevico, è stata finanziata grazie alle donazioni dei lavoratori locali. È stata inaugurata nel 1925, poco dopo la morte di Lenin.

Il monumento realizzato a Chelyabinsk (Foto: Vladimir Kozlov)

Uno dei posti più improbabili della terra per dedicare un monumento a un leader comunista è l'isola delle Mauritius. Eppure, la capitale Port Louis ne ha uno, installato nel 1983. Anche gli Stati Uniti vantano alcuni monumenti dedicati al leader comunista. Uno di questi si trova nell’East Village, e precisamente nella Piazza Rossa, sul tetto di un edificio di 13 piani risalente alla fine degli anni ottanta. Creata dallo scultore russo Yuri Gerasimov, la statua non fu mai mostrata al pubblico in Russia a causa del crollo dell'Unione Sovietica e rimase nel cortile di una dacia fuori Mosca prima di essere notata da uno dei progettisti del palazzo, Michael Shaoul, a metà degli anni Novanta.

Una grande statua di Lenin, alta 16 metri, è stata invece eretta sull'altra costa, nel sobborgo di Seattle di Fremont. Creata dallo scultore slovacco/bulgaro Emil Venkov, la statua fu originariamente inaugurata nella città slovacca di Poprad nel 1988. Dove è rimasta per poco più di un anno prima di essere tranquillamente rimossa dopo la “rivoluzione di velluto” cecoslovacca. Diversi anni dopo, un insegnante americano ha trovato la statua in un cantiere di demolizione a Poprad e nel 1995 è stato installata a Fremont. Un busto di Lenin si può trovare anche in Antartide , dove è stato trasportato da alcuni ricercatori sovietici nel 1958. Il busto di plastica è sopravvissuto fino ai nostri giorni, nonostante le temperature di circa -76 gradi Fahrenheit.

Nel cinema

Durante l'era comunista, in Unione Sovietica sono state prodotte decine di film e di documentari incentrati su Lenin, spaziando da opere di propaganda dallo scarso valore artistico ai film di Sergei Eisenstein "Ottobre: I dieci giorni che sconvolsero il mondo" e di Dziga Vertov "Tre canti su Lenin". I filmmakers di tutto il mondo hanno utilizzato Lenin anche come personaggio. Nel film di Franklin J. Schaffner "Nicola e Alessandra" incentrato sull'ultimo zar russo Nicola II, detronizzato nel 1917, Lenin è interpretato dall’attore britannico Michael Bryant. Dopo il crollo del comunismo, il modo di raffigurare il leader bolscevico è cambiato e quest’ultimo è stato dipinto spesso in modo irriverente. Il film del 1997 "Minu Leninid" ("All My Lenin"), diretto da Hardi Volmer, è una commedia incentrata sulla formazione di fantasia di alcuni sosia di Lenin.

La statua realizzata dallo scultore russo Yuri Gerasimov (Foto: Alamy / Legion Media)

Ma forse il film più conosciuto degli ultimi anni, che ha il nome di Lenin nel titolo, è "Goodbye Lenin " del 2003, del regista tedesco Wolfgang Becker, con l'attrice russa Chulpan Khamatova. Ambientato nei mesi successivi alla riunificazione della Germania nel 1990, nel film compare Lenin, ma solo sotto forma di statua che viene rimossa in quanto reliquia del passato comunista. Inoltre, con l’obiettivo di ripensare il passato comunista, l’artista di Norilsk Oleg Osmuk ha creato dei fumetti con protagonisti Lenin e altri leader bolscevichi. In una delle immagini, Lenin è rappresentato come uno straordinario Batman.

L'antiquariato

Verso la fine degli anni Ottanta, le riforme della Perestroika in Unione Sovietica hanno reso fashion in Occidente gli oggetti con simboli comunisti. I collezionisti erano desiderosi di acquistare busti e sculture di Lenin, che venivano contrabbandati piuttosto che ufficialmente esportati dalla Russia. Oggi, l'interesse per le opere dedicate a Lenin è basso. Tuttavia, è possibile trovare alcune opere dedicate al leader bolscevico presso i negozi di antiquariato online. Una società americana che commercializza "pezzi di antiquariato unici e bizzarri" ha messo in vendita una statua di Lenin alta 16 metri, che era situata nei pressi del ristorante ormai chiuso "Piazza Rossa" nell’Atlantic City Tropicana Casino. L'innalzamento della statua nel 2005 ha suscitato qualche polemica e i ristoratori sono stati costretti a rimuovere la testa della statua e a coprirla con qualcosa di simile a escrementi di piccione per evitare associazioni storiche indesiderate. A giudicare dalle fotografie inserite dal venditore la statua è in buona forma e il suo prezzo è di 40.000 dollari. Mentre chi è interessato a qualcosa di più economico potrebbe acquistare un busto in porcellana di Lenin, proposto da un altro negozio di antiquariato online a 129 dollari.

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta