A Mosca il meglio degli eventi con Ennio Morricone

Il musicista e compositore italiano Ennio Morricone (Foto: Itar Tass)

Il musicista e compositore italiano Ennio Morricone (Foto: Itar Tass)

Nella capitale russa il compositore italiano festeggia con un concerto il suo 85mo compleanno: oltre a lui, ecco la lista degli appuntamenti della settimana da non perdere

Il Nuovo Teatro Europeo, il cinema tedesco, il concerto di Ennio Morricone. In pillole, il meglio degli eventi della settimana a Mosca. 

12 novembre 2013. Nella sala del Maneggio, a Mosca, è in programma la mostra  “Il nuovo lusso. Il design olandese nell’epoca dell’ascetismo”. In esposizione 41 oggetti: un lussuoso lampadario, realizzato con comuni lampadine, un albero caduto, una panchina verticale e altri oggetti fatti manualmente che creano l’impressione di un raffinato design d’interni. L’intento dei designer olandesi è quello di diffondere l’idea che il valore degli oggetti esposti non stia tanto nella preziosità dei materiali utilizzati, quanto nella loro idea creativa. Il concetto di lusso al quale siamo abituati appartiene ormai al passato e il nuovo lusso è il prodotto di un’idea originale. La mostra, che si inscrive nell’ambito degli eventi organizzati per l’anno della cultura russa in Olanda e della cultura olandese in Russia, proseguirà fino al 12 gennaio 2014.

13 novembre 2013. Il più prolifico compositore italiano di musiche da film, Ennio Morricone, torna a esibirsi a Mosca al Crocus City Hall e celebrerà in quella occasione il suo 85mo compleanno. Morricone ha composto nella sua carriera le colonne sonore di oltre 500 film, tra cui western, film neorealisti, thriller, serial televisivi e documentari. Oltre che per il cinema italiano - biglietto da visita del compositore è la colonna sonora realizzata per lo spaghetti western “Il buono, il brutto, il cattivo - Morricone ha lavorato assiduamente anche per il cinema americano. Barry Levinson, Terence Malick, Roman Polanski, Oliver Stone, Brian De Palma sono solo alcuni dei registi di Hollywood con cui Morricone ha collaborato.

14 novembre 2013. Il Goethe Institut di Mosca organizza il suo primo festival del cinema dal titolo “Blick’13: il nuovo cinema tedesco”, che si svolgerà dal 14 al 20 novembre 2013 al cineteatro Khudozhestvennyj. Il Goethe Institut ha in programma anche una serie di rassegne di film d’autore tedeschi per far conoscere ai moscoviti la  cinematografia tedesca. Quest’anno verranno proiettati cinque film, incentrati sul tema “Padri e figli”, tra cui il dramma politico “Chi, se non noi? che narra l’amore tra Bernard Vesper  e Gudrun Ennslin; la vicenda ha inizio nel 1968 sullo sfondo della contestazione giovanile e si conclude negli anni del terrorismo e della Raf. Nell’ambito del festival si svolgerà anche una retrospettiva di opere del regista Arend Agthe, autore di film per bambini e adolescenti.

14 novembre 2013. In cartellone a Mosca l’opera musicale di Louis Andriessen ispirata alla Repubblica di Platone, uno dei maggiori lavori del compositore olandese. A eseguire l’opera di Andriessen alla Filarmonica sarà l’Ensemble di musica contemporanea di Mosca. L’opera verrà presentata in anteprima. Sarà inoltre eseguita La passione (solisti: la violinista Monica Germino e il soprano Michaela  Reiner). Andriessen tornerà in Russia per tenere dei workshop a Mosca e a San Pietroburgo.

17 novembre 2013. S’inaugura a Mosca il 15esimo Festival internazionale del Nuovo Teatro Europeo (Net). Ogni anno il Net offre agli spettatori moscoviti l’opportunità di assistere ai più interessanti spettacoli del teatro d’avanguardia europeo della stagione appena trascorsa. Lo slogan di quest’anno è “Dallo spettacolo alla performance”. In programma l’opera Il flauto magico, nell’adattamento per il Théâtre Bouffes du Nord di uno dei più leggendari maestri della scena internazionale, Peter Brook; il Poema pedagogico del teatro estone N099, Scene da un matrimonio del teatro Toneelgroep di Amsterdam e il remix del dj francese Pierre de Müllener Albert Camus legge Lo Straniero e altri spettacoli.

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta