Musica, ecco il cartellone autunnale dei live

Attesi nella capitale i Deep Purple, Suzanne Vega e non solo: dal rock al blues ce n'è davvero per tutti

La stagione concertistica si sta progressivamente risvegliando dopo la pausa estiva e la Russia si prepara ad inaugurare una nuova ondata di live.

I veterani del rock occidentale continuano a esibirsi con successo in tutto il Paese e i loro fan, la cui età varia tra i quaranta e i sessant’anni, accorrono entusiasti ad ascoltare gli idoli della loro giovinezza. Dal canto loro i musicisti, raggiunta ormai la mezza età, qui riescono a guadagnare somme di tutto rispetto che da tempo nei loro Paesi d’origine nessuno è più disposto a sborsare per assistere ai loro spettacoli.

L’8 ottobre 2013 il gruppo britannico Uriah Heep salirà sul palco del Crocus City Hall. La band fu il primo grande gruppo occidentale a sbarcare nell’Urss dopo il crollo della cortina di ferro. All’epoca, in patria, la band non riusciva a riempire sale da più di mille persone, ma a 1987 a Mosca, durante dieci giorni di concerti, più di 185mila spettatori accorsero per vederli cantare. Oggi della formazione originale rimane solo il chitarrista Mick Box, ma questo non rappresenta certo un deterrente per coloro che desiderano ascoltare brani di “Sweet freedom”, il loro tour commemorativo.

Il 22 e il 23 ottobre 2013 anche la band tedesca degli Scorpions suonerà al Crocus. Nel 1988, sull’onda della perestrojka, i ragazzi della band si trovarono al posto giusto nel momento giusto: strinsero amicizia con Mikhail Gorbaciov e scrissero “Wind of Change”. Anche se nel mondo gli Scorpions non sono più in auge come allora, in Russia continuano a poter contare su dei guadagni sicuri. Nel 2011, di fronte alla reazione dei fan russi per quello che avrebbe dovuto essere il loro ultimo tour, decisero di rimandare il pensionamento. Accompagnati dall’Orchestra filarmonica di Sofia, questi irriducibili dell’hard rock suoneranno i loro vecchi brani e alcune cover degli Small Faces, dei Rolling Stones e persino di Marc Almond.

Il 6 novembre 2013 il leggendario gruppo dei Deep Purple si esibirà in uno dei più grandi spazi da concerto: lo stadio olimpico di Mosca. La Russia ha un rapporto particolare con i Deep Purple, i quali si recano spesso nel Paese anche perché l’ex Presidente russo e attuale primo ministro Dmitri Medevedev ha più volte affermato che sono la sua band preferita. Mosca sarà una delle tappe del tour che accompagna l’uscita del nuovo album “Now What?”.

La band inglese dei Subways si esibirà, invece, nella Moscow Arena il 15 novembre 2013. La band, uno dei gruppi indie contemporanei più dinamici ed energetici, ha saputo conciliare l’energia del primo stile “garage” con un’estetica punk.

Il 16 ottobre 2013 sarà la volta di Joe Bonamassa, uno dei musicisti più interessanti dell’attuale panorama musicale. La musica di Bonamassa ricorda i massimi maestri del genere, da Jimi Hendrix ai Cream, ma è resa unica dall’estrema imprevedibilità del suo stile. Di recente anche la cantante Beth Hart, partner creativa di Bonamassa, si è esibita a Mosca; il concerto di Bonamassa può dunque essere visto come la logica evoluzione di un percorso di avvicinamento del pubblico moscovita al nuovo blues.

Senza dubbio, l’evento di maggior richiamo della stagione concertistica autunnale è rappresentato dall’arrivo dell’interprete e cantautrice Suzanne Vega (il 18 ottobre 2013). “Luka”, forse il più noto dei suoi brani, divenne famoso addirittura prima del debutto di Mtv in Russia, grazie al remix dei Dna. Quando però il video originale della canzone andò in onda su Super Channel, il primo canale occidentale a trasmettere in Russia, molti rimasero accattivati dalla versione originale, venendo così a scoprire l’opera di questa cantante tanto raffinata e talentuosa.

Negli ultimi cinque anni Vega, anziché pubblicare un album inedito, ha preferito dedicarsi a delle compilation dei suoi brani migliori. Tuttavia, sono in molti a volerla vedere da vivo.

Tra gli artisti di fama che suoneranno in Russia nell'autunno 2013 figurano, inoltre, i Black Rebel Motorcycle Club, gli Orbital, i Brand New Heavies, Freak Power, These New Partisans, Warpaint, Tiger Lilies, Poni Hoax, Travis e molti altri.

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond