Al museo in monopattino

Gli organizzatori dell'iniziativa sostengono che non esista al mondo un progetto simile al "Turkultur" (Foto: Vladimir Astapkovich / RIA Novosti)

Gli organizzatori dell'iniziativa sostengono che non esista al mondo un progetto simile al "Turkultur" (Foto: Vladimir Astapkovich / RIA Novosti)

Dal 27 luglio 2013 a Mosca è stato lanciato il progetto “TurKultur”: tra una mostra e l'altra ci si potrà spostare col veloce e leggero mezzo a rotelle

Il sistema di navigazione intermuseale collegherà il Manezh con una serie di altri musei. Questa è in sostanza l’idea del nuovo progetto “TurKultur”: dare alle persone la possibilità di visitare in un giorno solo più di un museo del centro, spostandosi da un punto all’altro in monopattino e scoprendo, in contemporanea, tutti i luoghi interessanti disseminati lungo il percorso; insieme al monopattino viene consegnata una cartina e si propongono 10 itinerari la cui durata varia dai 15 ai 120 minuti.

Come funziona

Foto: Tatyana Shramchenko
Aleksandr Uskov-Kell, direttore del progetto
(Foto: Tatiana Shramchenko)

“Si può prendere il monopattino al Manezh, andando alla mostra, -- spiega Aleksandr Uskov-Kell, curatore dell’iniziativa. - Ne abbiamo presi 100. Viene consegnato pagando una cauzione di 2.000 rubli (50 euro). L’utilizzo è totalmente gratuito. L’addetto che consegna il monopattino può consigliare quale mostra e percorso scegliere. Ce ne sono alcuni semplici che permettono di fare un giro in tutta tranquillità nei luoghi dove non ci sono praticamente pedoni; poi ci sono gli itinerari più difficili con salite e discese”.

Oltre al Manezh partecipano al progetto il Museo delle Arti figurative Pushkin, il Museo statale di Storia, il Museo dell’architettura “Shuseva” e il Museo moscovita di Arte Contemporanea, la Galleria “Na Soljanke”, la galleria “Triumf” e il Fondo culturale “Ekaterina”. Se arrivate in uno di questi musei sul vostro monopattino potete mettere il mezzo nel guardaroba come fosse un capo d’abbigliamento per tutto il tempo in cui visitate la mostra.

Informazioni utili

Orari: dal 27 luglio al 22 ottobre 2013, ogni giorno dalle 12 alle 21.30

Deposito: 2.000 rubli (50 euro)

Indirizzo del Centralnyj Manezh: Manezhnaja Ploshad 1, Mosca, metro Ochotnyj rjad, Aleksandrovskij sad, Biblioteka im. Lenina

Per i dettagli sul progetto: moscowmanege.ru

“Se non volete proseguire in un altro museo potete andare oltre ed entrare in un bar. L’importante è tornare al Manezh quello stesso giorno e restituire il monopattino entro le 21.30, ricevendo indietro la cauzione”, precisa Uskov-Kell.

Non si può invece abbandonare l’itinerario e lasciare il monopattino in uno dei musei che partecipano al progetto, come spiega il curatore: “Il progetto è in prova, è un progetto pilota, ma per la fine di ottobre 2013 capiremo come sarà andata. Se l’iniziativa prenderà piede e se capiremo cosa piace alla gente, nel 2014 ci saranno più stazioni di ricovero dei monopattini”.

Il giorno del lancio è stato attivato un numero verde a cui si può comunicare la rottura del monopattino, ma anche fare domande sul progetto. Il numero di telefono è indicato sul sito del Manezh nella sezione del progetto “TurKultur”, ma si può trovare anche al banchetto dell’operatore che li consegna. Sul sito, inoltre, è possibile sapere quanti monopattini sono disponibili per pianificare il tour in anticipo.

Il parere dell’esperto

Foto: Tatjana Shramchenko

Aleksandr Nilov
(Foto: Tatiana Shramchenko)

Aleksandr Nilov, organizzatore del movimento dei monopattini in città “Letskick Moscow”, commenta gli itinerari proposti: “Il centro di Mosca non è il posto più agevole per un monopattino. La cosa più difficile sono i marciapiedi, ma il monopattino non è una bicicletta, si può sempre scendere e portarlo sul marciapiede”.

Sul futuro dell'iniziativa Nilov è ottimista e afferma: “La popolarità del monopattino sta esplodendo a giudicare dal numero di persone che si aggiungono al gruppo Letskick sui social network. Nel 2011 c’erano 4 iscritti, ora sono 78”.

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta