“Metro 365”: tutte le stazioni di Mosca in un blog

Il progetto fotografico, che immortala le fermate della metropolitana della capitale russa per un anno, su LiveJournal

Dmitri Berdasov è un cittadino moscovita. Dopo aver viaggiato per tutta l’infanzia in metropolitana, ha trascorso 12 anni senza scendere nelle gallerie sotterranee di Mosca. Secondo Dmitri, probabilmente, è proprio grazie a questa pausa che è riuscito a mantenere vivo il suo interesse per la metropolitana della capitale russa, che ora fotografa per il suo blog su LiveJournal, intitolato “Metro 365”.

L’idea è quella di immortalare tutte le 188 stazioni della metropolitana di Mosca, nell’arco di un anno. In un’intervista a Russia Oggi, ha parlato delle sue stazioni preferite e di quelle che, invece, consiglierebbe di visitare per prime ai turisti.

Come è nato il progetto “Metro 365”?

Era da poco iniziato l’autunno e non avevo nulla da fotografare. Allora decisi di realizzare alcuni scatti della metropolitana. La prima stazione fu quella di Slavyansky Bulvar. Poi LiveJournal annunciò un programma di sovvenzioni mirato a promuovere blog interessanti, ma poco conosciuti. Decisi di parteciparvi, presentando il mio “Metro 365” e ottenni il finanziamento. A quel tempo avevo già fotografato 15 stazioni e iniziavo a capire come funzionava il provider e come era organizzato.

Esiste un sistema di classificazione delle stazioni della metropolitana?

In generale, tutte le stazioni, vecchie o nuove che siano, si dividono in due gruppi: quelle ad elevata profondità e quelle appena sotto la superficie. Quelle più vicine alla superficie, presentano colonne, chiamate “centipiedi”, mentre quelle più profonde muri spessi sorretti da pilastri o colonne, con aperture ad arco.

Quali stazioni consiglierebbe di visitare per prime ai turisti stranieri?

Quando la moda entra in metro
Guarda la fotogallery 

Partirei dalle nuove: Pyatnitskoe Shosse, ad esempio. Realizzata in marmo bianco e nero, è una delle sei stazioni in curva della metropolitana di Mosca. Anche la stazione Mezhdunarodnaya è interessante: ti porta direttamente alla cittadella d’affari Moscow City. Per quanto riguarda le stazioni antiche, costruite prima della guerra, consiglio la linea rossa, da Park Kultury a Sokolniki. Una delle mie stazioni favorite è Elektrozavodskaya. Costruita durante la guerra, è una stazione sorretta da pilatri in stile sovietico, con ritratti di accademici e bassorilievi in marmo bianco raffiguranti soldati, contadini ed operai. Mi piace anche la stazione di Park Pobedy: è nuova e realizzata con diversi tipi di marmo colorato. Presenta, su entrambe le estremità, due affreschi dai colori sgargianti - uno dedicato alla Guerra Patriottica del 1812 e l’altro alla Grande Guerra Patriottica (la Seconda Guerra Mondiale) - realizzati ambedue dal pittore e scultore Zurab Tsereteli. Sono molte le opere di questo artista ad adornare la città di Mosca: come il monumento in onore di Pietro il Grande e la vicina Cattedrale di Cristo Salvatore, o le sculture che puntellano il Giardino di Alessandro (Alexandrovsky Sad). Tsereteli è inoltre l’autore delle vetrate e dei pannelli colorati, decorati con chiese e cattedrali, che si possono ammirare all’interno della stazione Trubnaya. Gli archi azzurri sulle pareti di ceramica della stazione Taganskaya, lungo la linea circolare, sono fatti di porcellana. In passato, il binario era dominato da una grande statua di Stalin circondato da soldati. Delle stazioni costruite prima della perestroika, mi piace quella di Nagatinskaya, sulla linea grigia, con il suo mosaico fiorentino di marmo che corre lungo le pareti che fiancheggiano i binari.

Conosce qualche leggenda sulla metropolitana di Mosca?

Internet ne è pieno. Ma nessuno sa se ​​sono vere o no. Ad esempio, da Kuntsevo, dove Stalin aveva la propria dacia, parte una linea diretta al centro, e questa, ve lo posso assicurare, non è una leggenda. Alcuni tratti, oltre alle rotaie, sono pavimentati in modo da consentire il passaggio non solo di treni ma anche di automobili. Tutto è possibile nella metropolitana di Mosca.

Ha ricominciato di nuovo a utilizzare la metropolitana?

Dopo il 15 giugno 2013, quando tutti sono in vacanza, è finalmente possibile girare in auto per Mosca, altrimenti il modo più veloce per spostarsi nella capitale è la metropolitana. È il modo migliore per andare da un punto A a un punto B senza rischiare di arrivare tardi. Per gli ospiti della capitale è una vera e propria attrazione turistica. Tutti gli stranieri vogliono vedere la metropolitana di Mosca.

Per maggiori informazioni cliccare qui

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta