Note dall'Italia per la nuova stagione del Bolshoj

Presentato il cartellone degli spettacoli del teatro moscovita per la stagione 2014. Sul palco, anche le opere di Verdi, in occasione del bicentenario della sua nascita

Sette nuove produzioni, di cui quattro opere e tre balletti. La direzione del Teatro Bolshoj di Mosca ha presentato il cartellone degli spettacoli per la stagione 2014. Con i classici richiesti dal pubblico ("Così fan tutte", "Don Carlos" e "Der fliegende Holländer"), e i grandi nomi della danza, il Bolshoj conferma la linea conservatrice annunciata nel 2012. La direzione di Anatoly Iksanov, segnata da profondi scandali, tra cui l’aggressione a Sergei Filin, sembra voler coccolare i gusti più tradizionali degli spettatori russi. Senza creare molti scompigli.

La 238ma stagione del teatro moscovita inizierà il 17 settembre 2013, e accoglierà diverse compagnie straniere: Iksanov ha infatti promesso di portare sul palcoscenico due grandi stelle della lirica russa: Anna Netrebko e Dmitri Hvorostovsky, da tempo richiesti dal pubblico. Per sapere di preciso a quali spettacoli prenderanno parte, bisognerà pazientare ancora un po’.

L’asse franco-russa sarà particolarmente attiva dal punto di vista coreografico. Dal 21 al 24 settembre 2013 la compagnia dell’Opera di Parigi porterà sul palco Paquita, sulla coreografia di Pierre Lacotte. Il coreografo francese tornerà poi a novembre 2013 con lo spettacolo “Marco Spada ovvero la figlia del bandito”, sulle musiche di Auber. “La più bella personificazione del genio musicale francese”, lo aveva definito Ernest Reyer. Pierre Lacotte inoltre presenterà la rivisitazione di uno spettacolo realizzato per Rudolf Nureev per l’Opera di Roma nel 1981. Iksanov ha sottolineato che la rivisitazione è stata necessaria tenendo conto delle dimensioni del Bolshoj, che ha i diritti esclusivi sullo spettacolo per altri cinque anni.

Alla fine della stagione, a luglio 2014, sarà la volta del coreografo Jean-Christophe Maillot, che presenterà La bisbetica domata, pensata precisamente per la compagnia del teatro moscovita.

Il teatro accoglierà poi l’americano John Neumeier, che a marzo 2014 riproporrà a Mosca la sua Dama delle Camelie: uno spettacolo considerato tra i momenti più importanti della stagione. Ultime parole sulla danza: Anatoly Iksanov ha annunciato il ritorno imminente del giovane prodigio Alexei Ratmanskij.

Il bicentenario della nascita di Richard Wagner e Giuseppe Verdi serve come pretesto al Bolshoj per presentare due opere fondamentali del repertorio: "Der fliegende Holländer", portato in scena dal tedesco Peter Konwitschny, in co-produzione con l’opera nazionale della Baviera. "Don Carlos", di Verdi, vedrà anche la partecipazione di voci internazionali sotto la direzione del regista inglese Adrian Noble. L’opera verrà riproposta nella sua versione italiana, ovvero la più lunga, e non nella solita versione francese. 

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta