Al Forum economico di San Pietroburgo anche un ricco programma culturale

Il ricevimento del governatore che tradizionalmente si tiene durante il Forum Economico di San Pietroburgo si tiene nei luoghi più belli di San Pietroburgo. Quest'anno a Palazzo Elagin (Foto: Ria Novosti)

Il ricevimento del governatore che tradizionalmente si tiene durante il Forum Economico di San Pietroburgo si tiene nei luoghi più belli di San Pietroburgo. Quest'anno a Palazzo Elagin (Foto: Ria Novosti)

Notti bianche e musica, oltre al sontuoso ricevimento per i selezionatissimi ospiti dell'appuntamento internazionale, che si terrà il 21 giugno 2013 sull’isola Elagin

Le notti bianche di San Pietroburgo rimarranno nei ricordi degli ospiti del 17mo Forum Economico Internazionale di San Pietroburgo, in programma nella capitale del Nord dal 20 al 22 giugno 2013, non soltanto per i tardivi tramonti e le albe mattutine, ma anche per la rinomata ospitalità russa.

La città di Pietro il Grande non si abitua ai grandi flussi di ospiti: ogni anno alla fine di giugno alcune migliaia di delegati da molti Paesi di tutto il mondo arrivano al Forum Economico di San Pietroburgo. Quest’anno, come d’abitudine, ad attendere i partecipanti dell’evento non ci saranno soltanto accese discussioni sui più svariati temi economici e sociopolitici, ma anche un ricco programma culturale.

Se chi lo desidera potrà dare un’occhiata alle barche a vela della regata business, rilassarsi con un concerto di musica classica interpretato dal quartetto “Il Divo” e accompagnato dell’orchestra sinfonica sulla piazza del Palazzo Elagin, oppure assistere al concerto di beneficienza “Studi di Carskoe Selo” nel Palazzo di Caterina, non tutti però avranno la fortuna di prendere parte al ricevimento organizzato dal governatore di San Pietroburgo, Georgij Poltavchenko.

È il comitato organizzativo del Forum a rilasciare gli inviti all’evento. Di solito gli ospiti della serata sono economisti di spicco, politici di punta e funzionari del governo, ovvero tutti partecipanti accreditati del Forum, mentre per la stampa le porte rimarranno chiuse.

È attesa come ospite principale del forum e del ricevimento del governatore la cancelliera tedesca Angela Merkel, invitata personalmente dal Presidente russo Vladimir Putin durante le consultazioni intergovernative di Mosca del novembre 2012. La sua presenza tuttavia sarà confermata soltanto una settimana prima dell’inizio della manifestazione.

L’anno scorso la serata a inviti è rimasta nel cuore degli ospiti per la magica “Féerie acquatica”, durante la quale, su alcune piattaforme disposte in mezzo al canale, ragazze e ragazzi “argentati” ballavano sotto vele d’argento e acrobati spiccavano il volo verso il cielo su fili d’acqua, atterrando su tappeti elastici galleggianti, mentre lo stesso governatore Poltavchenko raggiungeva la scena a bordo di un motoscafo.

Al ricevimento del 2012 ha dato un po’ scandalo la trovata del regista di truccare i bambini come “statuine viventi”, scelta a lungo discussa nella stampa e sui blog. Alla prova dei fatti però non sono state trovate violazioni dei diritti dei bambini e in poco tempo tutto il polverone alzato dopo l’“incidente” si è quietato. “È una tipica esibizione di un gruppo di bambini in un evento. È una storia gonfiata, senza nessun fondamento”, così il difensore civico Svetlana Agapitova ha commentato le dichiarazioni indignate del pubblico.

Quest’anno l’immagine artistica che farà da filo rosso al ricevimento sarà “L’albero della vita”, il simbolo dell’eterna correlazione tra l’uomo e il mondo circostante. Una grande orchestra mista di jazz accoglierà gli ospiti del banchetto previsti nell’ordine di un centinaio. I musicisti si posizioneranno su una flottiglia di piccole imbarcazioni nelle acque della Malaja Nevka. Un regalo speciale per gli invitati sarà l’esibizione di Igor Butman, stella mondiale del jazz e artista del popolo della Russia. Gli organizzatori promettono una straordinaria jam session con parti soliste e composizioni musicali d’orchestra dedicate ai rappresentanti degli Stati partecipanti al 17mo Forum Economico.

Neanche a dirlo, non c’è ricevimento che possa fare a meno di una raffinata cena, il cui menu è stato elaborato in ogni minimo dettaglio e approvato con una minuzia quasi superiore ai copioni del programma di intrattenimento. Secondo quanto riferito dagli organizzatori quest’anno gli chef “non vogliono strafare”, ma proporranno agli ospiti pietanze degne di un buongustaio. Peraltro la spesa media per ciascun ospite sarà relativamente bassa: 3.900 rubli. Da qualche anno l’organizzazione strategica dei ricevimenti è affidata alla compagnia “Kramer&Co.” sotto la guida del regista Viktor Kramer, noto per la messa in scena di “Slava Snow Show” realizzata insieme all’artista del popolo della Russia Viktor Vjacheslav Polunin. Kramer ha preso inoltre parte all’allestimento di 150 spettacoli in tutto il mondo, incluso il progetto “Balletto dorato”, presentato alla cena presidenziale in onore del trecentenario di San Pietroburgo.

Il budget che il governatore aveva a disposizione quest’anno per il ricevimento era di circa 30 milioni di rubli, una cifra due volte superiore a quella del biennio 2009-2010 (rispettivamente di 16 e 15 milioni di rubli). Con una tale somma gli organizzatori sono in dovere di mettere a punto un programma artistico speciale, elaborare un progetto di design per gli interni dei gazebo, che occupano una superficie complessiva di 3.000 metri quadrati, e garantire la sicurezza dell’evento: devono cioè dimostrare agli ospiti l’irrepetibile atmosfera pietroburghese, visto che in fondo nel corso dei secoli la capitale del Nord è stata considerata il fulcro di tutto il bello e l’insolito “à la russe”, la quintessenza culturale del Paese.

Presentare il grande passato attraverso il prisma dell’oggi, mostrare la continuità dell’eredità culturale, le fantastiche possibilità del futuro e il suo contributo d’avanguardia per il Paese: ecco l’obiettivo non banale che la serata celebrativa dovrà raggiungere.

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie