Miagolii e fusa sul palco

Il 64enne Yuri Kuklachev che da 40 anni si esibisce da clown con dei gatti (Foto: PhotoXPress)

Il 64enne Yuri Kuklachev che da 40 anni si esibisce da clown con dei gatti (Foto: PhotoXPress)

Dopo una pausa di chiusura dovuta a lavori di ristrutturazione, il Teatro dei Gatti di Yuri Kuklachev riaprirà presto i battenti. E sarà anche inaugurato un “tempio dei felini”

Dopo un periodo di chiusura protrattosi per diversi anni e dovuto ad alcuni interventi di ristrutturazione (durante il quale gli spettacoli venivano allestiti in una struttura poco distante) il Teatro dei Gatti di Mosca, diretto dal leggendario clown e addestratore di animali Yuri Kuklachev, è finalmente pronto a riaprire le porte al pubblico.

All’unico Teatro dei Gatti del Paese e del mondo intero si affiancherà questa volta un cosiddetto “Tempio dei gatti”.

A quanto è dato sapere, il Tempio assomiglierà ai “cat café” comuni in tutta l’Asia e popolati da gatti da toccare e accarezzare. “Sarà un luogo dove ci si potrà semplicemente sedere e riposare in compagnia di questi animali”, ha dichiarato Kuklachev all’agenzia di stampa Ria Novosti. Grazie all’aggiunta del tempio – o “giardino”, come viene anche chiamato – i centoventi “attori” del Teatro dei Gatti potranno inoltre disporre di spazi ben più ampi degli angusti recinti dove attualmente abitano.

Il progetto di ristrutturazione e ammodernamento del Teatro è stato molto ambizioso. Quando la struttura venne chiusa per lavori, circa diciotto mesi fa, Kuklachev annunciò che il Tempio dei Gatti sarebbe stato pensato come un centro di intrattenimento per bambini e adulti, nel quale ciascuna delle trentasei razze feline rappresentate avrebbe occupato un ambiente appositamente disegnato: i persiani vivranno infatti tra tappeti persiani, i siberiani occuperanno una sezione ispirata alla Siberia e gli americani potranno aggirarsi per un’”isola” molto simile a Manhattan.

Kuklachev ha inoltre messo a punto per il suo pubblico un programma educativo divertente ed esaustivo che comprende corsi di addestramento per cani e gatti e sedute terapeutiche per bambini e genitori, potranno accarezzare i gatti durante le loro sedute con gli psicologi. Il Tempio metterà inoltre a disposizione dei suoi giovani visitatori delle speciali canne da pesca con cui questi potranno giocare con i mici.

“Terremo anche delle lezioni di ginnastica respiratoria per i bambini che sono allergici ai gatti - spiega Kuklachev. - Da anni faccio questi esercizi con mio figlio Dmitri, che da giovane era allergico al pelo di gatto”.

Yuri Kuklachev, che da piccolo è stato un bimbo prodigio della televisione sovietica e oggi ha 64 anni, da 40 si esibisce come clown e si dedica all’addestramento dei gatti. Suo figlio Dmitri, lo stesso che grazie al padre è riuscito a superare le proprie allergie, ha seguito e l’esempio paterno divenendo a sua volta clown e addestratore di animali e oggi si esibisce nel teatro come assistente di Yuri.

Dal momento che, stando a Kuklachev, è praticamente impossibile addestrare i gatti domestici, l’unico modo per inventare un numero in cui questi possano esibirsi è quello di giocare con loro per scoprirne i talenti e le inclinazioni personali sui quali poter basare uno spettacolino.

“Il principio dolcetto o scherzetto con i gatti non funziona: con loro si può solo negoziare in buona fede. Se ad esempio non si dà da mangiare a un gatto per un giorno, questo svilupperà dei dolori allo stomaco e al fegato. Se gli si dà un ceffone, non avrà più fiducia in noi. Non c’è modo di piegare la volontà di un gatto”, ha dichiarato Kuklchev al giornale Argumenty i Fakty.

Nel 2009 un gruppo di blogger, guidati dal matematico Verbitsky, fece causa a Kuklachev accusandolo di torturare e maltrattare i suoi animali. Il tribunale ha però confermato che il metodo impiegato da Kuklachev è “assolutamente umano”, obbligando Verbitsky e i suoi a distruggere i documenti che rivelavano le presunte crudeltà da lui perpetrate, a porgere a Kuklachev le proprie scuse e risarcirlo dei danni.

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta